La Cmc di Ravenna ammessa al concordato preventivo


La Cmc di Ravenna è stata ammessa oggi, dal Tribunale di Ravenna, alla procedura di concordato preventivo con riserva. Ha ora 60 giorni di tempo per presentare la proposta di concordato preventivo. Sono stati nominati commissari giudiziali Antonio Gaiani, Luca Mandrioli e Andrea Ferri che dovranno “esprimere il loro parere sugli atti di straordinaria amministrazione e vigilare sull’attività della società” mentre il cda “continua a svolgere le attività di ordinaria amministrazione”. Lo comunica la società con una nota, indicando che “prende atto con favore della pronuncia del Tribunale e, al riguardo, conferma che sta procedendo all’avvio della elaborazione del piano concordatario nella prospettiva di assicurare la continuità aziendale”.

Intanto, è’ atterrato in mattinata all’aeroporto di Bologna Andrea Urcioli, cesenate, dipendente della ditta Cmc al quale era stato imposto, insieme a un collega portoghese, il divieto di lasciare il Kuwait a causa di una controversia societaria. Nella notte la Farnesina aveva annunciato lo sblocco della situazione, con la rimozione, da parte delle autorità kuwaitiane del divieto di lasciare il paese, sorto dopo una disputa societaria.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet