La Cina rimuove il bando sulla carne suina italiana


Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto che la Cina ha aperto il mercato alla carne suina fresca italiana che era bloccato dal 1999. In particolare, l’Amministrazione Generale per iI Controllo della Qualità, l’Ispezione e la Quarantena (AQSIQ) e il Ministero dell’Agricoltura cinese hanno riconosciuto l’indennità da malattia vescicolare della macroregione del nord. Si tratta di un’area composta da Liguria, Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, Trentino Alto-Adige, Friuli Venezia-Giulia, Emilia-Romagna e Marche, dove è concentrato oltre l’80% della produzione nazionale di carne suina. “Abbiamo ottenuto un risultato molto importante a tutela della nostra suinicoltura – ha dichiarato il Ministro Maurizio Martina – sul quale abbiamo lavorato intensamente negli ultimi mesi in sinergia con il Ministero della Salute e con l’Ambasciata italiana in Cina”.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet