La ceramica italianaall’Icff di New York


SASSUOLO (MO), 13 MAG. 2013 – E’ la quinta volta che Ceramics of Italy partecipa all’International Contemporary Furniture Fair in programma dal 18 al 21 Maggio 2013 presso lo Jacob K. Javits Center di New York City. Lo fa con uno stand realizzato da Confindustria Ceramica e da ICE, l’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, e in cui esporranno otto aziende produttrici italiane di ceramica: Atlas Concorde, Cooperativa Ceramica d’Imola, Fap Ceramiche, Florim, Refin, Sant’Agostino, Settecento e Tagina. Lo stand include anche una presentazione speciale del Ceramics of Italy Tile Competition.Franco Manfredini, presidente di Confindustria Ceramica, afferma: “Siamo felici di tornare all’ICFF per il quinto anno consecutivo. New York è un mercato importante per le nostre aziende italiane, e i legami che esse allacciano con decision maker di alto profilo lo rendono un evento cui non possiamo mancare. La positiva intonazione del mercato dell’edilizia e ceramico confermataci dalla recente edizione di Coverings ad Atlanta, troverà ulteriore riscontro da questa manifestazione destinata ad architetti ed interior designer.”Pier Paolo Celeste, il nuovo Trade Commissioner per il Nord America, dichiara: “A New York c’è una delle maggiori concentrazioni di architetti, designer e creatori di tendenze del Paese, il che rende l’ICFF un evento da non perdere. La mission dell’Italian Trade Commission è di offrire ai partecipanti la possibilità di assistere alle ultime tendenze nel campo del rivestimento ceramico, e quindi assistere i produttori italiani di ceramiche nella loro crescita costante sul mercato statunitense.”Quest’anno, Ceramics of Italy Tile Competition, il concorso di design e architettura sponsorizzato da Confindustria Ceramica e dall’Italian Trade Commission, festeggia il suo 20° anniversario. Per l’occasione, una speciale mostra interattiva ideata da Maiarelli Studio ed integrata presso lo stand Ceramics of Italy offre una retrospettiva su due decenni di eccezionali progetti residenziali, commerciali e istituzionali, dimostrando come importanti architetti e designer nordamericani usino le ceramiche italiane in modi innovativi, e presenta i vincitori dei primi premi degli ultimi 20 anni oltre a quelli di quest’anno: il Barclays Center di SHoP Architects; il Schaefer/Graf Residence di MRSA Architects & Planners e il campus del National Institute of Standards and Technology in Colorado, di HDR Architecture.Lo stand istituzionale è un’inesauribile fonte di ispirazione per il design, presentando le ultime novità nel campo della ceramica italiana. Con ogni collezione, i produttori italiani continuano a spingersi sempre al limite in termini di design e produzione, trasformando ceramica e porcellana in legno, marmo, cemento e perfino carta, grazie a tecnologie avanzate e processi di produzione che rispettano l’ambiente. Presso lo stand istituzionale è disponibile il personale per distribuire la versione inglese di Cer Magazine International, il manuale Ceramica Amica ed ulteriori informazioni sia sui prodotti in mostra che sulle ultime novità del settore, su eventi, notizie ed ospitalità.Fra le iniziative a favore del settore, nelle giornate immediatamente prima dell’apertura dell’ICFF, Ceramics of Italy offrirà un’anticipazione digitale dei prodotti sia sulla propria pagina Facebook (www.facebook.com/CeramicTilesOfItaly) sia su Twitter, Pinterest e Instagram (@CeramicsOfItaly). Durante le quattro giornate della fiera verranno organizzati Architectural e Press tours presso le aziende italiane presenti in fiera. Assieme ad Architizer si terrà inoltre un concorso speciale, il Made In Italy Instagram Contest, durante il quale i partecipanti all’ICFF potranno scattare fotografie delle loro ceramiche italiane preferite e aggiungervi i tag @ceramicsofitaly, @architizer e #madeinitaly, per cercare di vincere un viaggio a Bologna, Italia, e partecipare al Cersaie 2013.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet