La casa di Enzo Ferrari diventa Museo


MODENA, 10 MAG. 2011 – A dicembre la casa natale di Enzo Ferrari, che si trova a ridosso del centro di Modena, vicino alla stazione, diventerà un museo: la vecchia costruzione che comprendeva anche l’officina di Alfredo, il padre del Drake, è stata ristrutturata ed ospiterà un’esposizione permanente che racconterà la vita del fondatore della casa del Cavallino rampante. Accanto sorgerà uno spazio espositivo nuovo di zecca: progettato da Jan Kaplicky, si tratta di una soluzione architettonica particolarmente innovativa che ospiterà il cuore del Museo casa Enzo Ferrari. "Sarà un museo dinamico – ha detto Adriana Zini, direttrice della Fondazione – che ospiterà esposizioni di auto che cambieranno ogni 4-6 mesi. Nel museo ci saranno anche una caffetteria e un bookshop ai quali si potrà accedere senza biglietto: abbiamo voluto infatti permettere ai modenesi di vivere quotidianamente questo spazio". La prima mostra sarà dedicata alle grandi sfide automobilistiche, a cominciare da quelle con il rivale storico, la Maserati, la cui fabbrica si trova a poche centinaia di metri dalla casa natale del Drake. Accanto alla grande area espositiva ci saranno poi una sala conferenze da 150 posti che potrà essere affittata anche per presentazioni ed iniziative aziendali e un’aula didattica attrezzata per iniziative con le scuole. L’obiettivo è quello di portare a Modena 200 mila visitatori l’anno, proponendo anche promozioni coordinate con la galleria Ferrari di Maranello. Il progetto, che costa 18 milioni, è promosso dalla Fondazione Casa Natale di Enzo Ferrari-Museo, presieduta da Mauro Tedeschini, i cui soci fondatori e finanziatori sono Comune, Provincia e Camera di Commercio di Modena, Ferrari e Aci. Piero Ferrari ne è il presidente onorario. Mentre vanno avanti i lavori, sabato pomeriggio la casa riceverà la visita-omaggio della Mille Miglia: la sfilata delle auto storiche si fermerà per un saluto ad un costruttore che quella gara l’ha spesso dominata. E già si sta cominciando a pensare anche ad un grande evento per l’inaugurazione, previsto per dicembre, che potrebbe così arrivare anche nell’ambito dei festeggiamenti dei 150 anni dell’Unità d’Italia.E’ già pronto anche il logo: una forma stilizzata di Ferrari in viola. Non è un colore scelto a caso. Oltre che un grande costruttore Ferrari è stato anche uno degli imprenditori che per primi ha compreso l’importanza della comunicazione, ed alimentava la leggenda intorno al suo personaggio con alcuni vezzi come, ad esempio, scrivere con una penna stilografica con l’inchiostro viola. Con la quale firmava tutto, compresi i contratti con i piloti.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet