La Carim verso la ricapitalizzazione


RIMINI, 3 AGO. 2011 – La Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini che, ieri, ha evidenziato l’esistenza di un piano per la ricapitalizzazione dell’istituto di credito ha reso partecipi "i commissari straordinari circa la sussistenza di un progetto volto alla ripatrimonializzazione della Banca". E’ quanto si legge in una nota della Carim, firmata dai due commissari, Piernicola Carollo e Riccardo Sora, nominati da Bankitalia, negli scorsi mesi, per gestione della banca riminese."La Fondazione – si legge ancora – è impegnata a tenere informati gli organi dell’amministrazione straordinaria dell’andamento dell’iniziativa, al fine di consentire agli stessi ed all’Organo di Vigilanza", ossia alla Banca d’Italia, "di effettuare le opportune valutazioni con riguardo al contenuto del piano, ai suoi effetti, alle tempistiche e ai prevedibili sviluppi, elementi che, allo stato, risultano ancora non definiti".Ieri, la Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini aveva individuato in 110-120 milioni di euro la cifra necessaria alla ricapitalizzazione della banca e aveva reso noto che, dai primi colloqui con categorie economiche, investitori privati e istituzionali, è emersa una raccolta di impegni per 28 milioni di euro.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet