La Cantina di Santa Croce potenzia la struttura


La Cantina di Santa Croce di Carpi amplia e potenzia tecnologicamente la struttura produttiva. I nuovi impianti vengono inaugurati dopodomani – domenica 2 agosto – alle 11. La cooperativa vitivinicola, che aderisce a Confcooperative Modena, ha investito due milioni di euro (600 mila euro arrivano dai contributi per il sisma) per aumentare di oltre 20 mila ettolitri la capacità di lavorazione della uve conferite dai soci, ingrandire la struttura prefabbricata con l’ampliamento del capannone esistente, ammodernare gli impianti di lavorazione del prodotto. «Abbiamo completato il programma di investimenti iniziato nel 2013 con l’acquisto di un appezzamento di terreno adiacente lo stabilimento – spiega il presidente della Cantina Santa Croce Francesco Schiavo – Nonostante la prematura scomparsa del direttore della cantina, l’enologo Villiam Friggeri, avvenuta il 14 settembre 2014, il consiglio di amministrazione e i soci hanno voluto proseguire nella progettazione e realizzazione degli impianti. Questo piano rappresenta una tappa fondamentale per il futuro della cooperativa. Ne sono convinti anche i nostri soci, che continuano a impegnarsi per assicurare continuità alle proprie aziende, in molte delle quali lavorano anche i loro figli». Domenica 2 agosto, oltre all’inaugurazione dei nuovi impianti, è prevista la scopertura di una targa dedicata a Friggeri, il direttore ed enologo che i soci ricordano con gratitudine per le doti manageriali e umane, nonché per la passione e il contributo dato dal 1988 al 2014 alla crescita della cooperativa. Fondata nel 1907, la Cantina Santa Croce è profondamente radicata nel territorio, tanto è vero che la sede è ancora la stessa di cento anni fa. Oggi la cantina conta oltre 300 soci e ha una potenzialità di lavorazione annua superiore ai 130 mila quintali di uva. Nel corso degli anni la crescente attenzione alla qualità ha fatto sì che l’80 per cento delle uve conferite provenga da vigneti coltivati a Doc e Igt. Le uve conferite sono prevalentemente di Lambrusco Salamino, Lambrusco di Sorbara, Lambrusco Grasparossa e Lancellotta.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet