Il bolognese Kaizen Institute nel World Economic Forum


Kaizen Institute entra a far parte del World Economic Forum (Wef), fondazione senza fini di lucro e organismo internazionale che lavora con politici, imprenditori, accademici e altri leader con lo scopo di mettere a punto agende globali, regionali e industriali, capaci di guidare cambiamenti positivi sulle politiche sociali. “Non è un caso che, parlando di cambiamento, a entrare a far parte del forum sia l’istituto internazionale leader nel campo del miglioramento continuo”, scrive l’azienda in una nota.
Kaizen Institute, con oltre 13 anni di esperienza in Italia e 30 nel mondo, è presente in più di 50 nazioni e lavora con oltre 400 professionisti. In Italia, solo nel 2016 ha accompagnato 57 aziende lungo percorsi di miglioramento e innovazione continui e organizzato 10 training Kaizen Live Experience coinvolgendo più di 150 persone. Grazie all’entrata nel World Economic Forum, i vari Kaizen Insitute nel mondo si impegnano ad essere un membro contributivo e parteciperanno ai vertici regionali del World Economic Forum di tutto il mondo.
«L’entrare a far parte di un organismo così riconosciuto è certamente motivo di orgoglio e allo stesso tempo di responsabilità per Kaizen Institute – spiega Bruno Fabiano, founding partner di kaizen institute italia, che ha sede a Bologna e lavora con aziende in tutta la penisola –. Sono certo che sapremo portare la nostra esperienza concreta di azienda nel veicolare il miglioramento anche all’interno del World Economic Forum, fondazione che da decenni punta a portare nel mondo cambiamenti positivi a livello sociale ed economico. Già da tempo abbiamo utilizzato gli insight del Wef sulle competenze del futuro come, per esempio, le “21st Century Skills”, nel nostro format non convenzionale di training».

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet