L’università di Bologna parla cinese, grazie a Prodi


20 FEB. 2012 – L’Università di Bologna ha sottoscritto un memorandum d’intesa con la Nankai University di Tianjin, in Cina, uno dei migliori dieci atenei della Repubblica popolare cinese. A siglare l’accordo è stato Romano Prodi, delegato per l’occasione dal Rettore Ivano Dionigi. 

Il memorandum prevede lo scambio studenti e docenti e la creazione di progetti collaborativi nel campo della didattica e della ricerca. La sottoscrizione del memorandum di intesa costituisce un importante rafforzamento delle relazioni bilaterali e multilaterali che già da tempo collegano la Nankai University e l’Università di Bologna all’interno della rete strategica: ‘Forum Internazionale delle Università Pubbliche’.

"Questo ulteriore accordo infittisce e qualifica la già ricca rete di relazioni tra l’Alma Mater di Bologna e la Cina", commenta il Rettore Ivano Dionigi che recentemente – unico e primo italiano – è stato nominato uno dei 10 membri del board internazionale dell’Istituto Confucio e che, proprio in questi giorni, sta preparando la visita a Bologna dell’Ambasciatore cinese Ding Wei.Nella stessa occasione, la Nankai University Business School ha siglato un accordo di scambio e collaborazione con Alma Graduate School, la business school dell’Università di Bologna. L’istituto cinese lavorerà con Alma Graduate anche nella realizzazione del nuovo indirizzo dell’MBA "China-Europe Business Relations", al via in settembre. E’ stato inoltre invitato a partecipare all’EMBA Consortium for Global Business Innovation, che oltre ad Alma Graduate School coinvolge la Moscow International Higher Business School (MIRBIS), la Coppead Graduate School of Business di Rio de Janeiro e la Florida International University di Miami.Dopo la firma degli accordi, il direttore di Alma Graduate School Massimo Bergami ha ricevuto il titolo di Guest Professor della Nankai University e ha tenuto una lezione magistrale dal titolo "Re-Thinking Leadership at the dawn of a multi-polar World". Al fine di sostenere le relazioni di scambio tra i due atenei, il presidente della Nankai University Gung Ko ha accettato di far parte dell’International Advisory Board di Alma Graduate School.Sui banchi della Nankai University si sono formati numerosi leader, tra cui Zhou Enlai, primo premier della Repubblica Popolare Cinese. La città di Tianjin conta più di 12 milioni di abitanti. Negli ultimi dieci anni il suo PIL è cresciuto costantemente tra il 15 e il 20 per cento. Circa metà delle 500 maggiori imprese elencate dalla rivista Fortune vi hanno aperto una sede.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet