L’Osservatorio in sintesi


Al 31 dicembre 2008 i residenti in provincia la provincia di Reggio Emilia ha raggiunto i 519.480 abitanti, compresi 59.429 cittadini stranieri: di questi 6.757 sono cittadini dell’Unione Europea (1,3% della popolazione complessiva) e 52.672 (10,1%) sono cittadini di Stati non appartenenti all’UE.Le fotografie scattate dalle ultime rilevazioni demografiche, mostrano come a Reggio Emilia l’immigrazione esterna, pur non arrestandosi, registri tassi di crescita più contenuti rispetto ad altre realtà:• Reggio Emilia non è più la prima provincia in regione per la più alta incidenza di stranieri sulla popolazione residente (11,4%), è Piacenza che balza al primo posto (11,6%);• Reggio Emilia è al penultimo posto in regione per variazione percentuale annuale della popolazione straniera residente, +13,4%, seguita da Modena (+13,3%), entrambe sotto la media regionale (+15,3%) assieme a Forlì-Cesena (+14,7%) e Bologna (+15,2%); negli ultimi 5 anni la popolazione straniera residente in Emilia Romagna ha avuto un incremento del 63,9%, anche in questo caso il valore registrato a Reggio (+56,1%) è sotto la media, ed quasi la metà della variazione avuta a Ferrara (+94,7%);• nel panorama nazionale, la provincia di Reggio Emilia è scesa al quarto posto, al pari di Mantova, per incidenza percentuale dei cittadini stranieri sulla popolazione complessiva (era al terzo posto nel 2007); è preceduta da Brescia (12,2%), Prato (11,8%) e Piacenza (11,6%), ed è seguita da Modena, Treviso, Pordenone, Parma e Verona (prime 10 province).Uno sguardo più ravvicinato agli incrementi dell’ultimo anno:• la popolazione complessiva è aumentata dell’1,8% (+ 9.332 unità) ed è la più alta variazione percentuale a livello regionale, seguono quelle registrate a Parma, Ravenna e Rimini +1,7%, a Modena +1,6% e a Piacenza +1,5%, quest’ultima pari al dato regionale;• la componente straniera, come si diceva sopra, ha registrato un incremento percentuale del 13,4%, in termini assoluti + 7.009 unità.Questo ultimo dato è la sintesi delle immigrazioni da paesi ed aree geografiche che presentano dinamiche, storie e tradizioni molto differenti. Scomponendo quindi il dato si osserva che:• i residenti provenienti da paesi extra UE sono cresciuti del 12,9% (+6.024 unità);• i cittadini dell’UE hanno avuto un aumento del 17,1% (+985 unità), una variazione molto inferiore rispetto a quella registrata nell’anno precedente, infatti è stato molto meno consistente il flusso migratorio dai paesi entrati nell’UE nel 2004 (+8,6%) e dalla Romania e Bulgaria (in UE dal 2007, +23,3%).Le principali cittadinanzeLe comunità cresciute più intensamente negli ultimi anni sono quelle provenienti dall’Europa centro-orientale, che complessivamente diventano la principale area di immigrazione degli stranieri residenti (25,0%). In corrispondenza delle regolarizzazioni del 2002 alcune di queste cittadinanze mostrano incrementi notevoli che tendono a stabilizzarsi negli anni successivi, è il caso dei moldavi e degli ucraini. Mentre per i rumeni, la straordinaria crescita è dovuta prima alle regolarizzazioni e successivamente all’ingresso dello Stato nella comunità europea. Si mantiene sostanziale, ma via via più contenuto, l’aumento degli stranieri originari dell’Africa settentrionale, che tornano ad essere superati, per la seconda volta nelle storia delle immigrazioni verso la nostra provincia, dai cittadini di origine est europea. Nella graduatoria delle cittadinanze più rappresentate, i marocchini, si confermano la collettività più numerosa (9.318 unità, 15,7% dell’intera popolazione straniera residente), al secondo posto troviamo gli albanesi (6.760, 11,4%), seguiti dagli indiani (5.351, 9,0%), cinesi (4.472, 7,5%) e rumeni (4.009, 6,7%).Il rapporto tra i generiIl rapporto tra i generi, appare sostanzialmente equilibrato, nella popolazione straniera complessivamente considerata (48,9%), così come nella sua componente non comunitaria (47,4%). Nei cittadini dell’Unione Europea, invece, il rapporto si ribalta in conseguenza agli ultimi allargamenti: nel 2004 con l’ingresso di paesi a forte emigrazione femminile il rapporto è decisamente favorevole per le donne (72,8%), mentre nel 2007, con i bulgari e i rumeni, il divario tra uomini e donne tende a ridursi e a mantenersi costante anche nel 2008 (60,2%). Permangono comunque significative differenze all’interno delle singole comunità. Prendendo a riferimento i primi dieci gruppi nazionali con il maggior numero di residenti, le donne prevalgono nelle comunità rumena (54,3%), moldava (66,3%) ed ucraina dove il divario è schiacciante (81,9%); mentre tra i residenti africani e asiatici il rapporto è al di sotto della soglia del riequilibrio di genere: si passa dal 47,7% del collettivo della Cina, al 35,6% del Pakistan.Uno sguardo all’etàLa struttura per età della popolazione non comunitaria è ben diversa da quella italiana e da quella europea: • tra gli stranieri non comunitari è più alta la presenza di bambini fino a 10 anni (18,3%) e di giovani adulti, ovvero di persone di età compresa tra i 20 e 44 anni (53,3%), mentre sono ancora molto pochi gli anziani di 65 anni e oltre (1,9%);• i cittadini europei sono prevalentemente giovani e adulti (il 65,2% ha un’età compresa tra i 20 e 44 anni), pochissimi sono i bambini (7,6 % fino a 10 anni)• negli italiani gli adulti e gli anziani hanno un peso molto più significativo in confronto alle due precedenti comunità.Rapportando la popolazione straniera al complesso della popolazione residente secondo le varie classi d’età, risulta pertanto un’incidenza più elevata della popolazione straniera nelle classi più giovani: a fronte di una media generale dell’11,4%, si registra infatti un’incidenza del 16,8% tra i minorenni e del 18,4% per gli individui di età compresa tra i 18 e i 39 anni. Di converso, per gli adulti di età compresa tra i 40 e 64 anni l’incidenza è solo dell’8,7%, mentre per gli anziani è ancora più modesta, 1,1%.La componente più giovane Negli anni i minorenni non comunitari (che rappresentare oltre il 90 per cento dei residenti stranieri 0-17 anni) sono sempre aumentati sia in rapporto alla popolazione complessiva della stessa età, sia nei confronti della comunità immigrata. Quest’ultima percentuale dal 1993 ad oggi, è cresciuta gradualmente ad eccezione del 2008 e degli anni appena successivi le sanatorie del 1995 e del 2002. Le inversioni di tendenza sono probabilmente conseguenza delle regolarizzazioni dei lavoratori immigrati che hanno favorito la ripresa in termini percentuali della popolazione adulta.L’andamento della popolazione minorile è un importante indicatore di stabilità della popolazione straniera immigrata e residente poiché rinvia al "farsi una famiglia" o al ricongiungimento della propria famiglia.L’incidenza dei bambini e dei ragazzi non comunitari sulla popolazione complessiva in età scolare varia notevolmente a seconda dell’età: rispetto ad un valore medio del 15,7%, è pari al 21,5% tra i piccolissimi di 0-2 anni, scende al 17,5% dai 3 ai 5 anni e diventa inferiore alla media dai 6 ai 18 anni. I nati in Italia da genitori stranieri non comunitari costituiscono il 61% della popolazione non comunitaria residente di età compresa tra gli 0 e i 18 anni. Nelle fasce d’età dei più piccoli la percentuale si alza notevolmente: tra gli 0 e i 2 anni sono il 93,4%, e tra i 3 e 5 anni sono l’83,6%. Questi bambini nati in Italia da genitori stranieri, fin dalla nascita sono inseriti in percorsi di integrazione e socializzazione insieme ai loro coetanei italiani, ma sono considerati dalla legge e quindi conteggiati nelle statisti
che come stranieri. Distribuzione territorialeI residenti stranieri, comunitari e non comunitari, sono concentrati per la maggior parte nel distretto del Comune capoluogo (rispettivamente il 51,2% degli europei e il 48,6% dei non comunitari), mentre la restante parte è distribuita in maniera non omogenea sul territorio: gli europei sono più numerosi a Scandiano (16,0%) e Montecchio Emilia (9,8%), al contrario i cittadini non comunitari a Guastalla (17,0%) e Correggio (8,5%).Dal 1993 Guastalla è la zona con il più alto rapporto dei cittadini stranieri extra UE sulla popolazione residente, 12,5%, seguono, nell’ordine, i distretti di Reggio Emilia (11,6%), Correggio (11,2%), Montecchio (7,7%), Scandiano 6,6%) e Castelnovo ne’ Monti (6,3%).Invece le zone in cui si osserva la più alta incidenza di cittadini UE sulla popolazione complessiva sono in ordine decrescente: Reggio Emilia (1,6%), Scandiano 1,4%), Castelnovo ne’ Monti (1,2%), Correggio e Montecchio Emilia (per entrambi 1,1,%) e per ultima Guastalla (0,8%).

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet