L’Italia e il suo futuro in Europa secondo Schulz


©TrcMODENA, 3 SET. 2012 – “L’Europa avrà un futuro se sapremo trasmettere entusiasmo ai giovani perchè è inaccettabile che una generazione con la migliore istruzione e la migliore formazione abbia livelli di disoccupazione altissimi, soprattutto in Italia e Spagna”. Così il presidente del parlamento europeo Martin Schulz questa mattina a Modena in occasione dell’apertura della terza edizione della Summer School Renzo Imbeni. E sul futuro dell’Italia in Europa Schulz ha sottolineato come la distruzione dell’economia italiana attaccata dalla speculazione internazionale sarebbe un disastro per l’Europa. Ed è per evitare che ciò accada, l’impegno a fare tutto il possibile per abbassare i tassi d’interesse e rivedere i rapporti tra la banca centrale il sistema del credito e i paesi membri. “E’ inaccettabile – ha sottolineato Schulz – che la Banca Centrale Europea finanzi con tassi dello 0,75 per cento il sistema creditizio che, a sua volta, presta all’Italia con tassi al 6 per cento. Italia che pure è comproprietaria della Banca centrale europea. Un sistema da rivedere. Tanto è vero – ha continuato il presidente del parlamento Ue – che i tagli al bilancio che sta facendo l’Italia servono a pagare gli interessi".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet