L’inflazione continua a crescere in Emilia-Romagna


3 FEB. 2012 – Nel mese di gennaio è cresciuta dello 0,2 per cento la variazione mensile dei prezzi al consumo a Bologna. Il tasso tendenziale, ossia quello che rappresenta la variazione dei prezzi rispetto allo stesso mese dello scorso anno è salito invece al +3,1%. La nota del Comune parla di forti aumenti soprattutto nel settore alimentare. A Modena invece l’inflazione nel mese scorso è cresciuta dello 0,3% rispetto a dicembre. A livello tendenziale, ossia rispetto al medesimo periodo dell’anno precedente, il dato si attesta ad un +3,2%. L’aumento più sensibile, pari all’1,6% – si legge in una nota del Comune – riguarda il comparto ‘Abitazione, acqua, elettricita’ e combustibilì, gravato dagli incrementi nelle tariffe del gas di rete, acqua ed energia elettrica, gasolio per riscaldamento e prodotti per riparazione e manutenzione della casa. In diminuzione, invece, i canoni di locazione per le abitazioni di Enti pubblici, mentre avanzano dello 0,6% il settore dei trasporti, su cui pesano gli aumenti per i carburanti e quelli dei prodotti alimentari, e dei Mobili, articoli e servizi per la casa, entrambi in progresso dello 0,5%. Aumenti lievi (+ 0,1%) per i vini, le scarpe e gli indumenti; in calo, infine, i servizi ricettivi e di ristorazione, arretrati dello 0,3%.NUOVO PANIERE, ENTRANO E-BOOK,GRATTA E VINCIL’istat ha oggi presentato il nuovo paniere 2012, in cui fanno il loro ingresso libri elettronici e ‘gratta e vinci’. Entrano dunque l’E-book download, il libro elettronico, l’E-book reader, l’apparecchio per la lettura, e la mediazione civile. Inseriti i pc portatili compatti e gli ultrapiatti. Entrano anche le ‘scommesse sportive’, voce per la quale, spiega l’Istat, la spesa delle famiglie è notevolmente aumentata. La voce energia è stata disaggregata in base alle tariffe orarie. Il paniere ècomposto da 1.398 prodotti. Sono 84 i Comuni capoluogo di provincia che concorrono al calcolo degli indici.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet