L’euro ci ha salvato


©Trc-TelemodenaMODENA, 30 DIC. 2011 – L’euro si affaccia al suo decimo compleanno con una spada di Damocle che pende sulla sua stessa esistenza.  Purtroppo, la crisi greca, scoppiata in tutta la sua gravità nel 2010, non ha fatto altro che evidenziare i punti d’ombra dell’unione monetaria: l’euro è risultata essere una valuta “incompiuta”: il Trattato di Maastricht ha definito un’unione monetaria ma non un’unione politica. E questo la rende vulnerabile ed instabile. Abbiamo una Banca Centrale comune, ma non un Tesoro comune, cosa che complica non poco la posizione di uno Stato alle prese con un ampio debito pubblico, come il nostro. Ma per l’Italia, nonostante questo, è stato un passaggio, che secondo gli economisti, ha giovato, più che danneggiato, anche se siamo arrivati alla situazione dove il futuro della  moneta attuale potrebbe dipendere proprio dal Bel Paese.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet