L’Emilia-Romagna parla ai giovani. E lo fa via Internet


BOLOGNA, 21 NOV. 2009 – La Regione ha messo a punto un nuovo sistema informativo giovanile dedicato a tutti gli emiliano-romagnoli che hanno tra i 12 e i 35 anni. Si chiama www.informagiovanionline.it, e consente di trovare e condividere informazioni in rete. Ma non solo: il sito punta anche ad agevolare la comunicazione tra giovani ed enti pubblici, dà stessa voce e stesse risorse informative a tutti i Comuni, InformaGiovani e Centri di aggregazione giovanile della regione, a creare un sistema pubblico in grado di offrire un´informazione ufficiale e garantita, quindi affidabile, e a diventare economicamente sostenibile nel tempo. Una scommessa su cui sono stati investiti 1,8 milioni di euro.Destinatari, giovani emiliano-romagnoli di fascia prevalente di età 12-35 anni, ma anche giovani di altre regioni o nazionalità che intendano relazionarsi con residenti o servizi della regione o che desiderino trasferirsi o trascorrervi un periodo.Il portale, nato dalla collaborazione tra l’Assessorato alla cultura e progetto giovani e il Comune di Modena, è stato creato per dare risposte ai giovani in tutti gli ambiti di loro interesse e per garantire pari opportunità di accesso alle informazioni ad ogni utente, anche laddove non esista un punto informativo InformaGiovani in cui recarsi fisicamente.Sul sito sono disponibili informazioni e servizi su studio e formazione, lavoro e imprenditoria, salute e diritti, mobilità internazionale ed Europa, volontariato e partecipazione, casa e famiglia. Potranno consultarlo anche i ragazzi di altre regioni o nazionalità che intendano relazionarsi con residenti o servizi della regione o che desiderino trasferirsi o trascorrervi un periodo.Il progetto – presentato agli operatori del settore, ai rappresentanti degli Enti Locali, del privato sociale e agli operatori dei Servizi InformaGiovani – è inserito nell’Accordo triennale di programma quadro Geco (Giovani evoluti e consapevoli), firmato dalla Regione Emilia-Romagna, dal Ministero dello sviluppo economico e dal Ministero della gioventù nel 2007. Grazie a questo accordo, sono stati sistematizzati diversi siti informativi per i giovani e ne è stato sviluppato uno, con sistemi open source, in grado di fare navigare l’utente a diversi livelli, dal regionale al locale e viceversa, sempre nello stesso ambiente ed in maniera semplice e chiara.I servizi InformaGiovani in Emilia-Romagna sono circa cento e servono annualmente oltre un milione di giovani utenti. Sono distribuiti in modo sufficientemente omogeneo su tutto il territorio regionale. E soprattutto per alcuni ambiti informativi  – quali la formazione, il lavoro o la mobilità – garantiscono opportunità di informazioni a carattere nazionale e internazionale. Invece, i Punti locali decentrati (Pld) della rete Eurodesk in Emilia-Romagna hanno raggiunto quota 9 e sono in grado di raggiungere annualmente circa 10.000 utenti. Alcuni Pld – come quello di Rimini/Riccione o di Pianoro – gestiscono “antenne” presenti in scuole e centri di aggregazione, che garantiscono una presenza ancora maggiore sul territorio. La missione di Eurodesk è quella di fornire ai giovani le informazioni su tutti i programmi che l’Unione europea e il Consiglio d’Europa promuovono in loro favore, nei settori dell’educazione, della formazione, della mobilità, della cultura e dell’occupazione. Da oggi, tutti questi terminali informativi trovano spazio su www.informagiovanionline.it, che rende disponibile sulla rete l’accesso gratuito alle banche dati prodotte e utilizzate dagli InformaGiovani e dagli Eurodesk e garantisce l´accessibilità in tutti i luoghi e i servizi del territorio regionale che operano a contatto con i giovani (centri aggregazione, scuole, biblioteche).Il Sistema informativo giovanile regionale è garantito dal contributo di tre livelli redazionali: una redazione regionale, una per ciascuna provincia e una redazione per ogni comune dell´Emilia-Romagna. E’ cura della redazione regionale l´aggiornamento delle informazioni di carattere generale, dei contenuti della home page e dello sviluppo generale del sistema. E´ competenza della redazione provinciale, invece, l´inserimento e l´aggiornamento di tutte le informazioni del territorio di riferimento. Ciascuna redazione provinciale si avvale del contributo di redazioni comunali, che potranno a loro volta garantire il trattamento delle informazioni relative al proprio territorio.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet