L’annuncio di Montezemolo: “Quest’anno 250 assunzioni”


MARANELLO (MO), 8 MAG. 2013 – Da casa Ferrari arriva una nuova buona notizia che va ad aggiungersi alle 1.800 auto vendute nei primi quattro mesi del 2013, con un incremento del 4% rispetto all’anno precedente). Si tratta della prevista assunzione di 250 lavoratori, 100 dei quali già in azienda. Un annuncio che arriva direttamente dal presidente Luca Cordero di Montezemolo parlando alla stampa a Maranello in occasione di ‘Formula Ferrari’: "Avremo un incremento del 20% nell’area dei nostri occupati", ha spiegato illustrando la decisione, "che spero sia di buon auspicio per il paese". Nei prossimi due anni, ha ricordato il numero uno di Maranello, "investiremo 100 milioni di euro in ulteriori miglioramenti degli stabilimenti e delle aree di lavoro". E ha confermato una "forte collaborazione" con Maserati sulla quattro porte e "possibilità di collaborazioni in vista" anche con Alfa Romeo di cui, però, "oggi è prematuro parlare". Così come proseguirà il legame con Pininfarina, anche Montezemolo ha ricordato come Ferrari "abbia deciso di creare il proprio centro di design" che ha partorito ‘laFerrari’, prima vettura pensata e realizzata completamente a Maranello.Confermata nell’occasione anche la scelta di ridurre la produzione, che scenderà sotto quota 7.000 vetture. "Vogliamo essere un’azienda che può dimostrare che, producendo e vendendo meno, é in grado di portare anche utili maggiori", ha sottolineato Montezemolo, rimarcando che "la nostrà esclusività è fondamentale per il nostro valore sul mercato". Il rischio, secondo il presidente, è quello "di iniettare sui mercati troppe auto", e si cercherà quindi "di mantenere il valore dell’usato". Ci saranno, ha spiegato, "concorrenti che ne approfitteranno, ma questa è una scelta che ho imparato da Enzo Ferrari: è lungimirante per rafforzare ulteriormente il nostro mercato". Perché, ha concluso, "chi compra una Ferrari compra un sogno e deve avere la certezza, anche con i fatti, di esaudire un sogno di esclusività".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet