Kemet, 220 in cassa integrazione a Sasso Marconi


BOLOGNA, 16 LUG. 2012 – Ammortizzatori sociali in arrivo nello stabilimento Kemet (ex Arcotronics) di Sasso Marconi. A causa della cessazione di diversi reparti produttivi, il gruppo leader mondiale nella componentistica elettronica ha messo in cassa integrazione straordinaria 220 dipendenti. L’accordo è stato firmato a Roma, presso il Ministero del Lavoro. La durata del provvedimento è di un anno prorogabile per altri 12 mesi.Al tavolo hanno partecipato, oltre al Ministero, la Regione Emilia-Romagna – che ha diffuso una nota -, Provincia di Bologna, la proprietà Kemet, Unindustria Bologna, Fim-Cisl, Fiom-Cgil, Rsu aziendali. "In base all’accordo firmato in sede regionale lo scorso novembre – rileva la nota – la proprietà della Kemet manterrà in Emilia-Romagna le produzioni ad alto valore aggiunto, e costruirà nell’arco di 24 mesi a partire dallo scorso dicembre un nuovo moderno stabilimento a Pontecchio Marconi".Ora la collocazione in Cigs avverrà con gradualità, per consentire le rimanenti attività produttive e le funzioni correlate.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet