Jobs Act, avviati 270 contratti a tutele crescenti


Sono stati 270 i contratti a tutele crescenti attivati dal 7 marzo, giorno dell’entrata in vigore del Jobs Act al 30 aprile scorso tra le imprese del commercio, del turismo e dei servizi. E’ quanto emerge da una ricerca effettuata dalla Confesercenti Emilia-Romagna su un campione di 2.665 aziende del terziario e del turismo. Secondo i numeri messi in fila dall’associazione, i contratti di lavoro attivati dal primo gennaio che hanno usufruito della decontribuzione triennale prevista dalla normativa, sono stati 759 – il 33% nel turismo, il 58% nel terziario e il 9% nei servizi – mentre  sono stati 305, nello stesso periodo, i contratti a progetto e a tempo determinato trasformati in contratti a tempo indeterminato – questi sono stati 305. Considerate anche le chiusure di contratti intervenute nello stesso periodo, fino ad aprile – evidenzia la ricerca della Confesercenti regionale – si è creata nuov aoccupazione nel settore con un saldo positivo di 276 unità. Guardando alle Confesercenti territoriali dei 270 contratti atutele crescenti attivati dal 7 marzo al 30 aprile, 54riguardano la zona di di Ravenna, seguita da Reggio Emilia (51),Bologna (44), Rimini (23), Forlì (22), Cesena (20), Parma e e Modena (16), Piacenza (10), Ferrara (9) e Imola (5). Quanto ai 759 contratti di lavoro che hanno usufruito della decontribuzione triennale avviati dal primo gennaio, 177riguardano Ravenna seguita da Modena (111), Cesena (98), Parma(69), Reggio Emilia (68), Forlì (61), Bologna (58), Rimini (47),Piacenza (30) e Imola e Ferrara (20).

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet