IT, tutti i vantaggi dell’open source


MODENA, 1 OTT. 2012 – Aziende e software. Una volta il loro rapporto era obbligatoriamente blindato. Vincolato dalle licenze d’utilizzo dei programmi installati sui propri computer. Da tempo esiste però una seconda via: la strada del software libero, detto anche open source in quanto lasciato aperto a tutti i programmatori che vogliono metterci mano per migliorarlo. Questo modo di concepire le applicazioni per computer, ma anche smartphone e tablets, è sinonimo di convenienza. Chi si fornisce dei programmi open source, infatti, non paga niente. Un aspetto assolutamente da non trascurare in tempi di crisi dell’economia e di risorse ridotte al conta gocce. Per illustrare alle aziende, ma anche agli enti pubblici, i vantaggi dell’open source, si è tenuto a Modena un incontro organizzato dalla società di consulenza Kyros. Un caso di un’ente che si è affidato unicamente a programmi open source è quello di Lapam Federimpresa. Il risultato è stato di una maggiore efficienza nell’organizzazione e nei servizi offerti.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet