Iride-Enia, arriva il via libera


1 MAG. 2009 – L’assemblea degli azionisti di Iride ha approvato, ieri a Torino, il progetto di fusione per incorporazione con Enia, che darà vita a una delle più importanti multiutility italiane, la terza dopo A2A e Acea. Il via libera dei soci ha messo fine a una settimana ricca di polemiche politiche, con l’approvazione sofferta dei consigli comunali di Genova e Torino. L’assemblea ha avuto oggi, all’inizio, due periodi di sospensione affinché i legali potessero verificare le eventuali conseguenze della "leggera smagliatura, del tutto casuale – ha spiegato il presidente Roberto Bazzano – tra i testi delle delibere dei consigli comunali di Genova e Torino". Il progetto di integrazione tra Iride ed Enia darà vita a un gruppo con oltre 1,7 milioni di clienti serviti nel settore energetico e oltre 2,4 milioni nel ciclo idrico e ambientale con ricavi, consolidati pro-forma sui risultati 2008, pari a 3.837 milioni di euro. Il rapporto di cambio è di 4,2 azioni Iride ogni azione Enia. I principali punti di forza dell’aggregazione sono rappresentati dalla complementarità nei settori dell’energia elettrica e del gas e dalla capacità di ulteriore sviluppo nel settore dell’energia; dalla leadership nazionale nella cogenerazione e nel teleriscaldamento, dalla posizione di rilievo – terzo operatore nazionale – nei servizi idrici e ambientali. Il consiglio di amministrazione della nuova società sarà composto da 13 membri, di cui due rappresentanti della minoranza, e da un comitato esecutivo composto dal presidente del consiglio di amministrazione, dal vice presidente, dall’amministratore delegato e dal dal direttore generale. Su proposta della Fsu, la finanziaria che è azionista di maggioranza di Iride, l’assemblea ha approvato una modifica allo statuto post-fusione con un nuovo comma all’articolo 41 (Disposizioni transitorie) "finalizzato a rendere operativa la nuova governance e a consentire il rinnovo dell’organo amministrativo immediatamente dopo il perfezionamento della fusione".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet