Ires, l’Emilia Romagna rallenta nel 2018


Gli effetti di un 2017 “sicuramente positivo” hanno lasciato spazio a un 2018 “in chiara decelerazione”. E’ l’analisi tracciata dall’Ires, attraverso il suo annuale rapporto dell’Osservatorio dell’Economia e del Lavoro in Emilia-Romagna. L’istituto di ricerca non si sbilancia oltre un cauto ottimismo, segnalando “come anche il 2017 non abbia cancellato le molte criticità già presenti nel commercio mondiale”. E così non bastano a sorridere i dati della crescita del Pil regionale, stimata nell’1,5% in più, e quelli del turismo, un settore preso in esame per la prima volta, e “che ha un andamento più che apprezzabile, sia per i comuni della riviera, sia per i capoluoghi”. Questa timida crescita, infatti, secondo l’Ires “non è stata in grado di appianare gli squilibri esistenti, sia tra le diverse aree territoriali della regione, sia in ambito sociale e in particolar modo nel mercato del lavoro”. Quest’ultimo, infatti, resta caratterizzato da “un invecchiamento dell’occupazione”, con “le fasce giovanili ancora interessate da rilevanti fenomeni di inattività, disoccupazione e sottoccupazione”. Inoltre, si è accentuata “la discontinuità dei rapporti di lavoro”, a causa “di un continuo inseguimento dalla parte datoriale delle forme contrattuali meno costose, al punto da produrre un fenomeno di promiscuità e reciproca sostituzione tra lavoro autonomo e subordinato”. Quanto ai redditi, l’Emilia-Romagna continua a vantare il terzo valore più alto in Italia, ma permane “una forte differenza tra quelli da lavoro dipendente, da pensione e da lavoro autonomo”, oltre a “notevoli differenze in base al genere, all’età e ai territori di residenza”. Insomma, conclude l’istituto, “il miglioramento registrato in Emilia-Romagna nel 2017, benché positivamente supportato da politiche pubbliche come il Patto per il lavoro, non è ancora stato sufficiente a imprimere una svolta rispetto a fattori di criticità”, come, elenca l’Ires, “la disuguaglianza socio-economica e gli squilibri generazionali”.

Riproduzione riservata © 2019 viaEmilianet