Iren, il nuovo statutoa rischio rinvio


REGGIO EMILIA, 3 MAG. 2013 – Entro giugno Iren dovrebbe approvare il nuovo statuto che modificherà radicalmente la governance della multiutility. Ma, ad oggi, le possibilità che la riforma vada in porto nei tempi previsti si assottigliano, mentre l’ipotesi di uno slittamento è sempre più concreta, perchè il Comune di Genova avrebbe sollevato dei problemi. Ieri in commissione consiliare a Reggio Emilia è stato infatti reso noto il calendario del percorso di approvazione che prevede, tra l’altro, entro entro il 10 maggio l’approvazione della nuova governance in tutti Consigli dei Comuni soci, tra il 12 e il 15 giugno l’assemblea straordinaria per l’approvazione delle modifiche dello statuto, e il 27 giugno l’assemblea ordinaria per l’ok al bilancio e la nomina del nuovo cda. La delibera è stata licenziata fino ad ora da una trentina di Comuni ma, oltre alle rimostranze del sindaco di Parma Federico Pizzarotti, adesso pare che anche Genova si sia messa di traverso. La giunta del sindaco Marco Doria infatti, a quanto si apprende, ha espresso una serie di perplessità sulle nomine delle società di primo livello e potrebbe presentare degli emendamenti. Il voto è previsto lunedì prossimo. Ma approvare una delibera diversa da quella pattuita con gli altri Comuni, rimetterebbe di nuovo tutto in discussione e allungherebbe i tempi di entrata in vigore del nuovo statuto. Infatti anche gli altri Comuni dovrebbero cambiare il testo della deliberazione rendendo impossibile il nuovo assetto nei tempi previsti.Ieri intanto a Reggio, in commissione consiliare, sono stati presentati i Comitati territoriali, organo di rapporto tra cittadini e Iren sul tema della qualità dei servizi e di rapporti con il territorio. I comitati saranno costituiti su base provinciale: i componenti saranno individuati mediante una consultazione on-line delle associazioni di consumatori presenti nel territorio e iscritte alla Camera di Commercio. La nomina dei componenti dovrà garantire la massima rappresentazione delle realtà territoriali. Il presidente sarà espressione dei Comuni del territorio. I manager di Iren incontreranno periodicamente i comitati, la cui funzione però sarà solo consultiva.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet