IREN/1, bocciata dal Tar richiesta di rimborsi al Gse


28 AGO. 2012 – Nessun rimborso per Iren. Lo ha deciso il Tar del Lazio respingendo la richiesta avanzata dalla multiutility piemontese-ligure-emiliana che male aveva digerito una modifica dei certificati verdi da parte del Gestore nazionale dei servizi energetici. Una rimodulazione al ribasso inerente alle caratteristiche della centrale alimentata a fonti rinnovabili in quel di Moncalieri. I giudici, scrive il quotidiano Milano Finanza, hanno respinto ogni pretesa (368,6 milioni il rimborso chiesto). Il Tar ha stabilito che "non puo’ revocarsi in dubbio la correttezza delle determinazioni del Gse sull’emissione dei cv, quanto agli aspetti sostanziali, in protezione dell’interesse della collettivita’ indistinta degli utenti di energia a corrispondere la tariffa A3 nella giusta misura".Il parere del Tribunale è che per Iren, tutto sommato, le cose non sono andate così male, visto che "la vicenda si è conclusa con l’emissione da parte del Gse di nuove qualifiche, comportanti il riconoscimento di un numero di certificati verdi superiore rispetto a quelli percepiti dalla ricorrente, pur solo per il periodo 2006-2010". Tale modifica ha permesso infatti la riscossione di circa due terzi dei 368,6 milioni di euro richiesti da Iren.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet