Io e la Minetti? Non siamo amiche


RIMINI, 18 GEN. 2011 – E’ di una ragazza riminese uno dei telefoni più bollenti intercettato dagli inquirenti per fare luce sulle feste del premier. Si chiama Melania Tumini ed è un’amica di Nicole Minetti, l’ex igienista personale di Berlusconi e ballerina di Colorado Café, nonché consigliere regionale in Lombardia, ora indagata per favoreggiamento della prostituzione. Melania è una delle tante signorine ad aver preso parte a uno dei party organizzati nella villa di Arcore. A portarla a corte è stata Nicole Minetti, che l’aveva presentata a Berlusconi come la ragazza dalle due lauree. Le due giovani erano state compagne di liceo, il Giulio Cesare di Rimini.In una telefonata intercettata il 19 settembre scorso (e finita nel faldone di 300 pagine inviato dai Pm di Milano alla Camera per chiedere l’autorizzazione a procedere) le due parlano di una festa che si terrà a breve. E’ Nicole a spiegare a Melania a grandi linee come si svolgono le serate: "Ti volevo un attimo brieffare sulla cosa – dice all’amica la consigliera regionale mutuando dall’inglese il termine to brief (impartire istruzioni), usato in ambito menageriale -. Ci sono varie tipologie di persone, c’è la zoccola, c’è la sudamericana che non parla italiano e che viene dalle favelas, c’è quella un po’ più seria, c’è quella via di mezzo tipo Barbara Faggioli, e poi ci sono io che faccio quel che faccio…”.Briefing o no, oggi Melania Tumini intervistata dall’Ansa dice di avere "solo partecipato a una cena, non sapevo nemmeno fosse una festa". E ci tiene a prendere le distanze dalla ex compagna di scuola. "Sull’amicizia con la Minetti – precisa – ci sarebbero cose da chiarire. Un conto è l’amicizia del liceo, lasciata nel dimenticatoio, eravamo quasi bambini e poi i rapporti si erano molto allentati. Abbiamo fatto il liceo insieme. Questo sì, basta"

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet