Interpump centra l’obiettivo


Il Consiglio di Amministrazione di Interpump Group S.p.A., riunitosi in data odierna, ha approvato i risultati consolidati del quarto trimestre e i dati preliminari dell’esercizio 2018.

Le vendite nette nell’anno sono state pari a 1.279,2 milioni di euro, superiori del 17,7% rispetto alle vendite del 2017 che erano state pari a 1.086,5 milioni di euro.

Le crescite organiche, a parità di area di consolidamento e di cambi, sono state pari al 15,6% per il settore Olio, 10,4% per il settore Acqua, e 13,7% sul totale delle vendite.
Da segnalare che l’effetto dei cambi ha pesato negativamente sul fatturato per ben 28,3 milioni di euro.
L’EBITDA è stato pari a 288,5 milioni di euro (22,6% delle vendite) a fronte dei 248,6 milioni di euro dell’esercizio 2017, che rappresentavano il 22,9% delle vendite, con una crescita del 16,0%.

Si segnala che a parità di area di consolidamento, l’EBITDA è stato pari al 23,6% del fatturato, con un miglioramento di 0,7 punti percentuali rispetto al 2017. Anche l’EBITDA è stato penalizzato (-7,5 milioni di euro) dall’andamento dei cambi.
Il risultato operativo (EBIT) è stato pari a 236,5 milioni di euro (18,5% delle vendite) a fronte dei 198,9 milioni di euro del 2017 (18,3% delle vendite), con una crescita del 18,9%.

L’utile netto del 2018 è stato di 173,2 milioni di euro (135,7 milioni di euro nel 2017), con una crescita del 27.6%. Al netto dei proventi una tantum di entrambi gli anni1, la crescita risulta del 24.5%.
L’utile per azione base dell’esercizio è passato da euro 1,257 nel 2017 a euro 1,613 nel 2018.
La liquidità netta generata dalla gestione reddituale è stata di 210,5 milioni di euro (172,3 milioni di euro nel 2017) con una crescita del 22,1%. Il free cash flow è stato di 82,2 milioni di euro (93,6 milioni di euro nel 2017).
La posizione finanziaria netta al 31 dicembre 2018 era pari a 287,3 milioni di euro rispetto ai 273,5 milioni di euro al 31 dicembre 2017, dopo esborsi per acquisizioni per 21,1 milioni di euro, pagamento dividendi per 23,1 milioni di euro e acquisto azioni proprie per 54,2 milioni di euro. Il Gruppo ha inoltre impegni per acquisizione di partecipazioni di società già controllate valutati complessivamente 44,5 milioni di euro (46,8 milioni di euro al 31/12/2017).
Il capitale investito è passato da 1.085,1 milioni di euro al 31 dicembre 2017 a 1.200,1 milioni di euro al 31 dicembre 2018, a seguito dell’acquisizione di GS-Hydro e dell’aumento di circolante dovuto alla fortissima crescita organica. Il ROCE è stato del 19,7% (18,3% nel 2017). Il ROE è stato del 19,9% (17,7% nel 2017).
Al 31 dicembre 2018 Interpump Group S.p.A. aveva in portafoglio n. 3.413.489 azioni proprie pari al 3,135% del capitale, acquistate ad un costo medio di € 21,0343.

Riproduzione riservata © 2019 viaEmilianet