Intercultura e follia: il Reggio Film Festival quest’anno si sdoppia


REGGIO EMILIA, 12 MAR. 2009 – Doppia scadenza quest’anno per partecipare all’ottava edizione del Reggio Film Festival, una delle principali rassegne italiane dedicate al cortometraggio internazionale. La prima tappa è all’interno di Mondinpiazza, Biennale del dialogo interculturale di Reggio Emilia, il 17 aprile prossimo. La seconda è quella del consueto Festival autunnale, in programma, come tradizione, nel mese di settembre.I concorrenti che desiderano partecipare all’appuntamento primaverile, espressamente dedicato all’intercultura, dovranno spedire il loro cortometraggi entro il 31 marzo. Per tutti gli altri c’è tempo fino al 30 giugno. Tema di questa edizione del Festival la follia: un invito ai filmaker di tutto il mondo ad esprimersi su uno dei temi basilari della dimensione conscia e inconscia dell’essere umano. Per stimolare una riflessione sull’argomento in questione, gli organizzatori hanno previsto una serie di incontri, mostre, spettacoli e approfondimenti. Mondinpiazza si svolgerà dal 17 al 19 aprile e prevede una serie di appuntamenti, convegni, spettacoli, stand nella città di Reggio Emilia. Va sottolineato che il Comune di Reggio Emilia si è aggiudicato il premio di "Città del dialogo interculturale". Reggio Emilia è l’unica città italiana selezionata per l’Intecultural cities, progetto del Consiglio d¹Europa di sostegno alle politiche sull’immigrazione al quale partecipano 12 città europee. In questo contesto di grande valore si colloca la proiezione dei cortometraggi che verranno inviati su questo argomento.L’ottava edizione del Reggio Film Festival, affidata come sempre alla direzione artistica del regista Alessandro Scilitani, è promossa dalla Fedic, Federazione Italiana Cineclub, e dall’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia ed è patrocinata dalla Regione Emilia Romagna.Tre le sezioni in cui si articolerà l’edizione di quest’anno. Innanzitutto uno spazio libero, che ospiterà i lavori di alcuni dei principali artisti internazionali che proporranno i loro corti al di fuori del tema proposto. Poi un’ampia sezione di corti – sia in che fuori concorso – ispirati, come si diceva, al tema della follia. E, infine, la sezione "Non uno di meno", riservata a cortometraggi prodotti dalle scuole di ogni ordine e grado, che affrontino il tema del dialogo interculturale in ambito educativo. Il Festival è nato nel 2002 divenendo ben presto, per l’esattezza dal 2006, un appuntamento internazionale, capace cioè di coniugare l’aspetto di intrattenimento e di cultura cittadino con un preciso ruolo di più ampio respiro rivolto all’Italia e al Mondo. Fra gli ospiti che, nel corso degli anni, hanno partecipato all’iniziativa, ricordiamo Marco Bellocchio, Gianni Amelio, Matteo Garrone, David Riondino, Mauro Pagani, Diego De Silva, Marcello Fois, Patrizio Roversi, Maurizio Nichetti, il premio Nobel Dario Fo, Maria Grazia Cucinotta, Violante Placido, PES.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet