Innovazione: Cna ci crede, nonostante la crisi


BOLOGNA, 25 FEB. 2009 – La crisi non si attenua, ma le micro e piccole imprese dell’Emilia-Romagna non demordono e dimostrano come, nonostante il calo di ordini e commesse, dinamismo e voglia di scommettere ancora sul futuro siano rimaste inalterate. E’ lo spirito giusto per trasformare la fase recessiva in un’occasione per innovare ancora. A testimoniarlo i risultati del bando della Regione Emilia-Romagna sull’innovazione organizzativa con l’inserimento della figura del Temporary Manager nelle imprese e la trasmissione d’impresa: 704 progetti presentati da 1.064 imprese per un investimento pari a 110 milioni di euro. Di questi ne saranno finanziati 547, il 78% del totale per un valore di 86 milioni di euro."Un risultato importante che – sottolinea il presidente regionale Cna, Quinto Galassi – la nostra organizzazione ha fortemente voluto e al cui raggiungimento ha collaborato impegnando al massimo le competenze di Cna Innovazione, il centro per il trasferimento tecnologico e la diffusione dell’innovazione organizzativa e manageriale alle Pmi che fa parte della Rete ad Alta Tecnologia voluta dall’Assessorato regionale alle attività produttive". Cna è consapevole che per le imprese al di sotto dei venti addetti, che rappresentano il 98% del totale in Emilia-Romagna, oggi è ancora più difficile puntare all’innovazione. Per innovare con successo servono tre elementi fondamentali: risorse, strumenti e competenze professionali. "Riteniamo infatti – spiega Galassi – che col sostegno finanziario del Bando regionale, che sostiene il 40% degli investimenti, e con il supporto del nostro sistema di competenze e consulenze, che ha peraltro già sperimentato da tempo figure di Temporary Manager in collaborazione con le Università su aree gestionali di grandissima rilevanza quali il mercato e la gestione finanziaria, sia possibile imprimere una forte accelerazione a un tessuto imprenditoriale che è sano, competitivo e che vuole farsi trovare pronto all’appuntamento con la ripresa".   Il ruolo di Cna – rileva una nota – è stato determinante anche nel supportare le imprese nella fase di progettazione: quasi 25 milioni di euro sui complessivi 86 riguardano progetti presentati da imprese associate in regione, con un successo pari a quasi il 90% dei progetti presentati rispetto a una media regionale sensibilmente più bassa. Ad esempio, Cna Bologna ha presentato 55 progetti di cui 52 approvati, Forlì-Cesena 29 progetti presentati di cui 24 approvati, Ravenna 23 progetti presentati di cui 18 approvati, Parma 15 progetti presentati e 15 approvati, Reggio Emilia 14 progetti presentati 11 approvati, Modena 13 progetti presentati di cui 12 approvati.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet