Infrastrutture, pressing sul premier


“Mi aspetto qualche segnale dal presidente Conte, perché se si ferma questa parte del Paese o se la si rende meno competitiva è evidente che ne avranno un danno anche il Paese stesso e la sua economia”. Il governatore dell’Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, torna a chiamare in causa il Presidente del Consiglio a cui la Regione, insieme a gran parte del mondo industriale e sindacale emiliano-romagnolo, nei giorni scorsi ha inviato una lettera per chiedere un incontro. “Mi auguro che dal Governo centrale non ci sia la tentazione di metterci i bastoni tra le ruote solo perché non abbiamo coincidenza politica”, sottolinea Bonaccini, ricordando che in particolare “il tema delle infrastrutture è decisivo”.

Riproduzione riservata © 2019 viaEmilianet