Inflazione stagnante


L’indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività (Nic), calcolato nel mese di aprile 2015 dal servizio Statistica del Comune di Modena, ha fatto registrare una variazione di – 0,4 per cento su base tendenziale annua, e una variazione di + 0,1 per cento su base congiunturale rispetto al mese di marzo. Il dato più evidente del mese di aprile è il calo delle spese relative all’abitazione; la divisione “Abitazione, acqua, elettricità, combustibile”. Aumentano, invece, i prezzi di mobili e arredi, articoli tessili per la casa, grandi apparecchi elettrodomestici e piccoli utensili. L’aumento congiunturale più significativo del mese (+ 0,9 %) riguarda, in ogni caso, “Servizi ricettivi e di ristorazione”, che già a marzo presentava segno più, e “Ricreazione, spettacolo, cultura”. Variazioni meno significative si hanno in altri settori.
A Bologna nel mese di aprile 2015 l’indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività ha fatto registrare una variazione mensile del +0,1% ed un tasso tendenziale al -1,0% (dati provvisori). Nel mese di marzo 2015 la variazione mensile era risultata del +0,5% e il tasso tendenziale del -0,9% (dati definitivi). In calo prodotti alimentari, abitazione, comunicazione e abbigliamento, in crescita invece alcolici, trasporti, spettacoli e ristorazione.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet