Incontro sulla sicurezza digitale


Come si accerta l’identità di una persona su Internet? Come si può essere certi che il signor Tizio Caio è veramente colui che dice di essere? L’identificazione online oggi è un problema cruciale, soprattutto per lo sviluppo di alcuni servizi che richiedono l’accertamento dell’identità come, ad esempio, aprire un conto corrente bancario, inviare una richiesta alla pubblica amministrazione o partecipare ad una gara d’appalto online. Anche se per molti acquisti è richiesto solo il pagamento – basta dunque la carta di credito – in alcuni casi provare l’identità è necessario: per esempio, proprio per essere titolari di una carta di credito. Ma accertare l’identità può essere fondamentale anche per acquisti più frequenti come l’affitto di un’immobile online. Lo sa bene chi si utilizza servizi che, come “Airbnb”, permettono di affittare la propria casa a sconosciuti utilizzando come unico strumento di riconoscimento la carta di credito. Una garanzia che può rivelarsi del tutto insufficiente in caso di reati. Eppure le tecnologie oggi offrono diverse possibilità d’identificazione: dal rilevamento delle impronte digitali, ai PIN collegati a tessere elettroniche. Quello che manca è una regolamentazione condivisa in tutto il mondo in tema di identificazione digitale.Il problema è serio perché sono sempre più diffusi i casi di furto d’identità digitale, un crimine che si diffonde anche sui social network: in Italia nel 2014 sono state registrate 4.998 denunce per il furto di identità digitale (fonte: polizia postale). Per quanto riguarda i rapporti con la pubblica Amministrazione, l’Agenda Digitale del Governo Italiano prevede l’introduzione di un sistema pubblico di identità digitale che entro settembre 2015 dovrebbe dotare di un’identità digitale 3 milioni di cittadini, che diventeranno 10 milioni entro dicembre 2017.In Europa il Parlamento europeo ha approvato una serie di regole volte ad uniformare i processi di identificazione nelle trattative commerciali online. Tuttavia, a livello mondiale si non è ancora stato definito un modello unico di accertamento d’identità digitale che metta d’accordo tutti i paesi del mondo. Su questo tema sta lavorando l’Uncitral, la Commissione delle Nazioni Unite sul Commercio Elettronico (United Nations Commission on International Trade Law) che punta a definire regole internazionali comuni per le transazioni commerciali online. L’incontro, che si terrà il 10 giugno 2015 presso la Sala delle Armi di Palazzo Malvezzi, nasce su iniziativa della Prof. Giusella Finocchiaro, Presidente del Gruppo di lavoro sul commercio elettronico dell’Uncitral e rappresentante del Governo italiano in tale sede. Tra i partecipanti all’incontro, oltre ai rappresentanti della Commissione ONU, interverranno rappresentanti di Google, di AliBaba (la più grande corporation di e-commerce cinese) e dell’ABA (American Bar Association) l’associazione degli avvocati statunitensi.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet