Incidenti sul lavoro. Non ce l’ha fatta l’operaio ustionato a Imola


BOLOGNA, 7 GEN. 2011 – Aveva riportato ustioni sull’80% del corpo e non ce l’ha fatta. E’ morto stamattina, all’ospedale Bufalini di Cesena, Abderrahman Chorfi, l’operaio di origine marocchina che lo scorso 29 dicembre era rimasto vittima di un infortunio sul lavoro. 48 anni, da anni lavoratore nell’edilizia, Chorfi quella mattina era stato raggiunto dalle fiamme provenienti da un bidone acceso per riscaldarsi. Nel cantiere in cui stava lavorando, nei pressi della ditta ‘Res Omnia’ di Imola, la temperatura era infatti abbondantemente scesa sotto lo zero. Mentre riempiva il bidone con del liquido infiammabile, l’uomo è stato investito da una fiammata e in pochi secondi la tuta che aveva addosso si è incendiata. La vittima era dipendente della Intercantieri di Sala Consilina (Salerno), città dove risiedeva, alla quale erano stati affidati lavori di movimentazione merci.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet