Incidente di New York: era al telefono con la fidanzata il controllore di volo


NEW YORK, 14 AGO 2009 – Potrebbe esserci un comportamento gravemente scorretto del controllore di volo come concausa della tragedia aerea di New York, che ha causato la morte di cinque turisti bolognesi. Il controllore di volo dello scalo di Teterboro (New Jersey) al momento della collisine tra l’elicottero turistico e il Piper stava parlando al telefono con la fidanzata. Lo scrive il quotidiano americano Daily News.Anche il supervisore del controllore era al momento irreperibile. Entrambi sono stati sospesi e probabilmente verranno licenziati, scrive il giornale. I nomi dei due controllori non sono stati al momento resi noti, ma sono al centro dell’indagine del National Transportation Safety Board e della Federal Aviation Administration. Nell’incidente di sabato scorso sono morte nove persone: i tre americani a bordo del Piper, il pilota neozelandese dell’elicottero e i cinque italiani. Secondo fonti citate dal Daily News, il comportamento del controllore di volo è stato "inaccettabile", anche se non sufficiente a provocare il disastro. Le due agenzie federali per la sicurezza del volo hanno scoperto le procedure scorrette ascoltando le registrazioni della torre di controllo di Teterboro, lo scalo da cui era decollato il Piper diretto a Ocean City."Abbiamo appreso che si trattava di conversazioni inappropriate", ha detto l’amministratore della Faa Randy Babbitt: "Si tratta di una condotta inaccettabile. Abbiamo messo i responsabili in aspettativa e saranno aperte procedure disciplinari, anche se non ci sono ragioni di pensare che questi comportamenti abbiano contribuito all’incidente".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet