Incentivi governativi all’acquisto di biciclette: è boom al Nord


28 SET 2009 – Il record di richieste per l’acquisto di una bicicletta, dopo gli incentivi decisi dal governo, spetta alla città di Rimini. Un primato che il capoluogo romagnolo divide con Brescia per quanto riguarda il numero di biciclette acquistate in proporzione al numero di abitanti.La crono-corsa agli ecoincentivi lanciata solo venerdì scorso dal ministero dell’Ambiente, sta raggiungendo risultati oltre i limiti previsti: un acquisto ogni due secondi negli orari di apertura dei negozi pari a oltre 38.700 mezzi venduti alle 18:30 di lunedì per un impiego di 5 milioni di euro su un totale di 7,7 milioni previsti, con una media per incentivo di circa 150 euro. E si prospetta la fine del contributo previsto per bici e biciclette a pedalata assistita già entro la fine di questa settimana. Per quanto riguarda la distribuzione territoriale è avanti il nord con oltre il 69%, seguito dal centro (16%) e dal sud e isole. Fra le città è proprio Roma, con i suoi colli, a guidare la pattuglia degli amanti delle 2 ruote con mille acquisti, seguita da Rimini, Milano e Torino. La statistica regionale vede avanti la Lombardia (oltre 7 mila) seguita da Veneto, Emilia Romagna e Piemonte. La campagna per le due ruote segue quella analoga del maggio scorso e alla fine l’obiettivo atteso, tra le due campagne di ecoincentivi, porterà all’acquisto di 100 mila biciclette."C’era grande attesa per l’esito di questi incentivi – commenta il ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo – e confidavamo nella replica del successo della prima tranche di agevolazioni della primavera scorsa. La risposta degli italiani é stata superiore alle più rosee aspettative. C’è la concreta possibilità che la quota degli incentivi per bici e biciclette a pedalata assistita vada esaurita già entro la fine di questa settimana". Dati che dimostrano un cambio di marcia. "Si tratta – aggiunge il ministro – di un dato straordinariamente incoraggiante sia dal punto di vista culturale, evidenziando una forte propensione della gente ad una mobilità sostenibile e sana, che dal punto di vista economico dal momento che gli incentivi metteranno in moto acquisti per oltre 25 milioni di euro. Complessivamente, sommando le misure del maggio scorso e quelle in corso avremo promosso l’acquisto di oltre 100 mila biciclette". Secondo alcuni dati recenti, nella capitale le biciclette rappresentano lo 0,3% su tutti i mezzi utilizzati.In Campania, Sicilia e Molise gli utilizzatori di bici per la mobilità (almeno 4 giorni alla settimana) sono appena il 3% contro il 31% dell’Emilia Romagna. Ma le città non si arrendono. Roma prevede 110 chilometri di piste radiali dalla periferia al centro storico mentre per Milano l’obiettivo piste ciclabili al 2011 è di 147 km (+104% di incremento) mentre a Bologna, (78 km di piste ciclabili interne alla città e 7,3 km in arrivo) l’ obiettivo 2011 è 10% mobilità in bici.Ecco l’andamento ecoincentivi in alcune città a lunedì 28 settembre: – ROMA: 1.035 acquisti (997 bici; 38 a pedalata assistita) – RIMINI: 840 (657 bici; 183 bici a pedalata assistita) – MILANO: 832 (804 bici; 28 bici a pedalata assistita) – TORINO: 609 (600 bici; 9 bici a pedalata assistita) – PARMA: 371 (289 bici; 82 bici a pedalata assistita) – FIRENZE: 267 (245 bici; 22 bici a pedalata assistita).

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet