Incendio al termovalorizzatore di Modena


MODENA, 29 SET. 2009 – Un incendio è divampato ieri sera dall’impianto di una delle vecchie linee del termovalorizzatore di via Cavazza a Modena. Ne ha dato comunicazione il Comune, che ha seguito l’evolversi dell’episodio "fin dal primo allarme – assicura una nota – tenendosi in contatto con Vigili del Fuoco, Arpa, Ausl e, ovviamente, il gestore Hera". L’incendio, rileva l’assessore all’ambiente Simona Arletti, "é stato subito circoscritto e poi rapidamente domato dai Vigili del Fuoco. Il funzionamento della catena di emergenza, dalla prima segnalazione fino al cessato allarme, ha consentito di limitare l’impatto sull’ambiente esterno. Il fumo, secondo quanto riferito da Hera, è da imputare soprattutto alla combustione di parte dell’impianto elettrico". Sono stati comunque compiuti in atmosfera "rilevamenti in tempo reale che andranno ora ad incrociare i dati raccolti, nello stesso periodo di tempo, dalle centraline fisse di misurazione. Per ogni ulteriore riflessione – conclude Arletti – bisognerà attendere i risultati di queste verifiche e l’esito degli accertamenti in corso sulle cause specifiche dell’incendio".I campioni d’aria prelevati dai tecnici dell’Arpa, l’agenzia ambientale della Regione, sono già in laboratorio, ma per avere i risultati serviranno alcuni giorni. Servirà tempo anche per le perizie di Hera, al momento però l’ipotesi prevalente è che l’incendio sia stato provocato dall’olio idraulico di azionamento dei macchinari. Anche oggi Hera tende a tranquillizzare: malgrado l’incendio si sia propagato alla fossa dei rifiuti, è bruciata solo una piccola parte di rifiuti non pericolosi. L’incendio all’inceneritore si è verificato intorno alle 17. Immediato l’intervento di vigili del fuoco, polizia municipale, esperti di Asl e Arpa. I primi rilevamenti sui fumi, effettuati dai pompieri ieri sera, sono negativi, ma per escludere del tutto la tossicità delle esalazioni servono i risultati dell’Arpa: quelli sulle membrane installate ieri – arriveranno a breve.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet