Inalca, nuovo accordo con la Russia


Continua l’impegno di Inalca in Russia. L’azienda sta completando un investimento nella regione di Orenburg del valore di oltre 30 milioni di Euro per la realizzazione di un impianto integrato di macellazione e lavorazione di carni bovine, la cui inaugurazione è prevista per il primo semestre del 2014. La struttura avrà una capacità di macellazione di 50.000 capi all’anno, ma con la flessibilità produttiva per adeguarsi facilmente al futuro aumento previsto per l’allevamento bovino della regione. Il progetto riveste una particolare importanza socioeconomica, in quanto l’impianto costituirà il volano per lo sviluppo dell’allevamento bovino nella regione: in virtù della tecnologia adottata, infatti, l’impianto potrà garantire agli allevatori locali la certezza nel collocamento dei capi allevati ed una adeguata valorizzazione del loro lavoro, secondo il modello già felicemente sperimentato da Inalca in Italia e in altre regioni d’Europa.

Nel quadro dei progetti strategici presentati nel Forum Italia-Russia di Trieste, Inalca SpA e il Ministro dell’Agricoltura della regione di Orenburg hanno firmato oggi, alla presenza di Vladimir Putin ed Enrico Letta, un protocollo istituzionale di collaborazione volto al miglioramento e alla valorizzazione del settore bovino nella regione Russa. Si tratta dell’unico accordo siglato oggi per la cooperazione tra i due paesi nel settore agroalimentare. L’accordo siglato con le autorità russe prevede che la società Inalca, attraverso la propria controllata Orenbeef, si impegni a raccogliere e macellare tutti i bovini che presentano specifiche caratteristiche e che sono allevati secondo un capitolato condiviso con gli allevatori della regione di Orenburg; l’amministrazione della regione di Orenburg si impegna a creare tutti i presupposti affinché in regione si sviluppi l’allevamento bovino e di conseguenza sia garantita la fornitura di bestiame alla società Orenbeef. Per fare ciò verrà costituito un gruppo di lavoro misto tra Amministrazione di Orenburg e società Inalca/Orenbeef con la finalità di assistere gli allevatori della regione nell’ottimizzazione dell’allevamento, dell’alimentazione, della genetica e dell’assistenza veterinaria mettendo in comune l’expertise esistente in materia in Italia ed in Russia.

In Russia, in particolare, Inalca è presente con un impianto per la produzione di hamburger a Mosca, e con cinque piattaforme distributive a Mosca, San Pietroburgo, Rostov e Novosibirsk, e un fatturato nel 2012 pari a 241 milioni di euro.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet