In vacanza con un balzello autostradale in più


FERRARA, 1 LUG. 2010 – Luglio col bene che ti voglio vedrai che partirò, anche se le autostrade costano di più. Suppergiù è questo il pensiero fatto dagli architetti della manovra finanziaria. Per chi vuole andare in vacanza in auto da oggi viaggiare costa di più. Le tariffe autostradali sono infatti aumentate e, come se non bastasse, sono entrati in vigore pedaggi su raccordi, gestiti dall’Anas, che fino a ieri potevano essere utilizzati gratuitamente. Per fare un esempio, in Emilia-Romagna chi uscirà al casello di Ferrara sud pagherà un euro in più per percorrere la Ferrara-Porto Garibaldi, il cosiddetto collegamento Ferrara Mare. Un obolo che diventa di due euro se si guida un mezzo pesante.Uno scatto di aumenti e di nuovi balzelli che non è piaciuto alla Cna di Ferrara. "In un momento critico dell’economia come l’attuale e in coincidenza con l’apertura della campagna turistica sui Lidi non si sentiva davvero il bisogno di questo provvedimento", commenta Stefano Secchieri della Cna Turismo. "Siamo di fronte ad una decisione incomprensibile e miope – continua l’imprenditore – destinata a produrre più conseguenze negative che vantaggi.A far storcere il naso al mondo del turismo e non solo è il fatto che i soldi che verranno sfilati dalle tasche degli automobilisti non serviranno per rendere migliori strade che necessitano di una ristrutturazione. "L’aumento del pedaggio al casello di Ferrara Sud – conclude la nota della Cna – non viene neppure controbilanciato da scelte, quanto mai opportune, di riqualificazione e messa in efficienza di un collegamento, come quello della Ferrara Mare, in condizioni assolutamente indegne di un Paese moderno. Come possiamo chiedere ai turisti di venire numerosi a soggiornare nella nostra provincia e sul nostro litorale, facendoli pagare di più per percorrere una rete stradale in buona parte dissestata e fatta oggetto di incuria da parte dell’Anas, malgrado le numerose proteste delle categorie economiche e degli amministratori locali?”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet