In Spagna inaugurato il Ferrari Land


L’inconfondibile rombo del motore Ferrari ha tuonato nel cielo di Tarragona, in Spagna, insieme a fuochi d’artificio, musica e ballerini sotto una ‘pioggia’ di coriandoli gialli e rossi. E’ così che e’ stato inaugurato il Ferrari Land, il primo parco divertimenti in Europa targato Cavallino rampante. Al taglio del nastro anche il figlio del Drake, Piero Ferrari, oltre a 1.500 selezionati ospiti. Ferrari Land, all’interno del PortAventura World Parks&Resort, diventa così il terzo parco tematico, questa volta dedicato interamente alle rosse di Maranello. 11 le attrazioni per tutta la famiglia su una superficie di 70mila metri quadrati. Gli amanti della velocità non saranno delusi dal Red Force: l’acceleratore verticale più alto e veloce d’Europa in grado di raggiungere i 180 Km orari in soli 5 secondi e toccare le vetta di 112 metri di altezza. Sempre qui trova spazio lo spettacolare Ferrari Experience. L’edificio, la cui forma riprende quella della leggendaria racing car Ferrari, domina il nuovo parco. Al suo interno si potrà guidare una rossa per le strade di Roma o su circuiti più sfidanti, arrivando fino all’esperienza dei simulatori. Non mancano gare di velocità e test drive. Un viaggio fatto di emozioni ma anche di storia e tradizioni. Nella Ferrari Gallery si può vivere un viaggio nella storia della mitica scuderia. Anche il cibo, infine, sarà a prova di Ferrari: con le ricette della tradizione, ispirato alla leggenda dei piloti e alla cucina modenese. Un investimento da 100 milioni di euro da cui si attendono 5 milioni di visitatori solo nel 2017. “Una grande opportunità per avvicinare sempre più persone, soprattutto giovani, al mondo Ferrari” ha detto Piero Ferrari. E a chi gli ha domandato perché questo parco non sia stato inaugurato a Maranello, aggiunge: “Sia a Modena che a Maranello abbiamo già i musei che portano 500mila visitatori ogni anno. Per quanto riguarda l’Italia in generale, si vedrà, ma devono esserci proposte di alto livello”.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet