In ER la crisi si combatte con l’innovazione


©Trc-TelemodenaMODENA, 3 GEN. 2012 – Credito alle imprese, innovazione, internazionalizzazione e molto più spazio ai giovani e all’occupazione femminile. Sono queste le basi dalle quali ripartire. Non rappresentano una novità, ma ribadirle non fa male. Il 2012 non sarà un anno in discesa, molti i lavoratori ai quali scadrà la cassa integrazione e che avranno non poche difficoltà a rientrare nel mondo del lavoro. Il 70% delle realtà produttive della nostra regione sarà, comunque, in grado di superare il difficile momento economico, quantomeno questo è l’auspicio delle istituzioni che continueranno a fare ciò che in loro potere per sostenere le imprese.L’assessore alle attività produttive della Regione, il modenese Giancarlo Muzzarelli è comunque fiducioso. Nel modenese la ceramiche è il settore che preoccupa maggiormente, gli altri comparti come il biomedicale, la meccanica, la moda, possono ripartire con la stessa marcia che avevano inserito prima del 2008. Le istituzioni saranno al loro fianco.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet