In Emilia Romagna le imprese fanno rete


Modena resta al vertice nella speciale classifica regionale dei contratti di rete. E’ quanto emerge dal convegno organizzato da Confindustria Modena e Banco San Geminiano San Prospero a Mirandola per fare il punto sulle piccole medie imprese locali e sul loro sistema di accesso al credito. In tutta la provincia sono 183 le imprese che hanno scelto di mettersi in rete. A Bologna 175, a Parma appena 65. Si tratta di uno strumento normativo introdotto nella legislazione italiana nel 2009 e che da allora conta già oltre 5mila esempi in tutto il Paese. Un sistema quello del contratto di rete che permette alle aziende di un determinato settore o indotto di allearsi per perseguire insieme un obiettivo comune. In questo modo le imprese riescono a essere più competitive sul mercato, migliorando il rating sul fronte dell’accesso al credito. I contratti di rete rappresentano dunque una grossa opportunità per l’economia, soprattutto per un territorio, come quello emiliano, molto legato alle piccole-medie imprese. E certo non è un caso che in Emilia Romagna si sono sviluppate le prime realtà di reti di imprese.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet