In cammino con la Costituzione per festeggiare la Repubblica


2 GIU 2009 – Il 2 giugno 1946, con la vittoria nel referendum, nasceva la Repubblica Italiana: quel giorno cominciò il percorso che avrebbe portato, due anni più tardi, al varo della Costituzione. Simbolicamente 63 anni dopo, il 2 giugno del 2009, è stata inaugurata la prima parte del sentiero "Monte Sole-Barbiana", dedicato alla celebrazione e alla difesa dei valori della Carta.Un cammino che, attraversando i luoghi storici della Resistenza dell’appennino emiliano, vuole ripercorrere, passo dopo passo, articolo dopo articolo, i valori fondanti dell’Italia Repubblicana. Sono stati posati oggi i primi dodici cartelli, recanti i primi dodici articoli della Carta, lungo la parte iniziale del sentiero, tra le località di Vado, Murazze, Casaglia e San Martino. Presto saranno posati nella parte restante del percorso anche tutti gli altri articoli, fino al 139°, l’ultimo, a Barbiana.L’iniziativa, coordinata dalla Regione Emilia-Romagna insieme a Pax Christi e Club Alpino Italiano di Bologna, e nella quale sono coinvolti gli Enti Locali, è stata ideata nell’ambito dei festeggiamenti per il 60° anniversario della nostra Costituzione. Anche quest’anno, come nel 2008, si svolgerà inoltre la route di Pax Christi lungo il sentiero, in programma dal 27 luglio al 2 agosto."Con la collaborazione di tanti, a cominciare dalle scuole – ha scritto in un messaggio agli organizzatori il Governatore dell’Emilia-Romagna Vasco Errani – questo cammino diventerà un luogo di esperienza, di riflessione, di raccoglimento per moltissimi giovani: recuperando il significato profondo della Carta costituzionale per la nostra vita di oggi, motivando una volta di più le ragioni sostanziali della nostra convivenza civile e democratica.”“E’ un itinerario – aggiunge Errani – legato alla storia della nostra terra, dell’Appennino, alla storia d’Italia, che va visto come un passaggio di testimone fra epoche e generazioni. Un modo per ricordare Monte Sole, la barbarie nazifascista e i valori della Resistenza per la libertà, ma anche il messaggio senza tempo di don Milani contro l’emarginazione e l’esclusione sociale, razziale, di pensiero, di credo. Per la scuola di tutti. Grazie dunque agli ideatori e agli organizzatori di questo progetto, con l’auspicio che il Sentiero della Costituzione presto giunga a Barbiana".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet