Imprese reggiane festeggiano il tax free day


Quest’anno gli imprenditori reggiani festeggeranno in lieve anticipo il Tax Free day, ovvero l’ultimo giorno dell’anno nel quale lavorano per pagare tasse, oneri e contributi: si passa dal 31 al 29 luglio. A rilevarlo è “Comune che vai fisco che trovi”, l’Osservatorio CNA sulla tassazione della piccola impresa, giunto alla terza edizione, che analizza 124 comuni italiani e prende a riferimento una impresa individuale, con cinque dipendenti, 430mila euro di fatturato e 50mila euro di utili. L’impresa italiana tipo. Reggio Emilia si posiziona al 104° posto nella classifica per il Tax Free Day, comunque ben al di sopra della media nazionale fissata al 14 agosto. Le città con il fisco “più amico” sono a pari merito Belluno, Gorizia e Cuneo, con il tax free day il 17 luglio; mentre la maglia nera va a Reggio Calabria, dove si lavorerà fino al 24 settembre solo per pagare le tasse, seguita da Bologna (19 settembre) e Roma (11 settembre). Altro dato interessante riguarda il Total Tax Rate, cioè il peso complessivo del fisco sul reddito netto d’impresa. Nel 2016 a Reggio Emilia un’impresa tipo che utilizza un laboratorio artigiano di 350 mq ed un negozio destinato alla vendita di 175 mq, avrà a disposizione un reddito netto di 21.220 euro (39 euro in meno rispetto al 2015), avvicinandosi ai 21.645 del 2011, l’anno zero del federalismo fiscale.

Riproduzione riservata © 2019 viaEmilianet