Imprese artigiane in crescita, soprattutto srl


Nel settore artigiano durante il 2014 sono cresciute le Società a responsabilità limitata, con un +3,3% in controtendenza rispetto al -1,4% che riguarda il totale delle imprese artigiane; tra il 2009 al 2014 le Srl artigiane sono cresciute del 19,9% a fronte del calo del 5,4% del totale delle imprese artigiane. Sono dati che emergono da uno studio di Confartigianato che contiene dati interessanti per l’Emilia Romagna. Le Srl sono il 4,8% delle imprese artigiane in totale ma il loro peso dell’occupazione è del 14,0%, con una dimensione media (7 addetti) quasi tripla rispetto alla media (2,5). Nel 2014 la crescita delle Srl artigiane è diffusa in tutte le regioni; più intensa in Sicilia (+7,9%), Campania (+5,8%) e Liguria (+5,0%).  In Emilia Romagna nel 2014 le Srl artigiane sono aumentate del 3,2%, mentre le società di persone sono calate del -2,9% e le ditte individuali del -1,3%; è quindi solo grazie alla crescita delle Srl artigiane se in Emilia Romagna il tasso di natalità totale è a -1,4%, in media con quello italiano. Tra le province, la crescita più rilevante a Oristano (+15,9%), Messina (+13,3%), La Spezia (+12,5%); solo cinque territori con dinamica negativa: Torino (-0,2%), Chieti (-0,4%), Taranto (-0,5%), Savona (-0,8%) e Cagliari (-1,8%). Per quanto riguarda le province della nostra regione  la provincia con la maggiore crescita è Piacenza a +5,3%, seguita da Reggio Emilia +5%, Ferrara +4,2%, Forlì-Cesena +3,3%, Modena +3,1%, Parma + 2,8%, Ravenna +2,6%, Rimini +2,4%, fanalino di coda Bologna con +2%. Per quanto riguarda il saldo totale di natalità e mortalità delle imprese è Reggio Emilia a far registrare la migliore performance con -0,4%, segue Bologna -0,7%, Modena e Piacenza a -1,4%, Ferrara -1,5%, Forlì-Cesena -1,8%, Ravenna -1,9%, Rimini -2,1% e Parma -2,5%. Le incidenze di occupazione nelle Srl artigiane più elevate si riscontrano nel Nord-est con il 18,1% e nel Centro con il 14,9%; nel Nord-ovest la quota è del 13,2%, mentre nel mezzogiorno si ferma sul 9,3%. Nel dettaglio regionale, l’incidenza media nazionale si supera in sette territori: Veneto (19,6%), Marche (19,3%), Emilia-Romagna (18,0%), Friuli-Venezia Giulia (15,9%), Umbria (14,9%), Lombardia (14,2%) e Toscana (14,2%). “Sono dati che raccontano di un artigianato, nonostante tutto, ancora vivo e attivo”, commenta il Presidente di Confartigianato Emilia Romagna Marco Granelli, “artigiani che si evolvono anche nella scelta della compagine societaria, puntando su forme più adatte alla competizione sui mercati internazionali”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet