Impregilo crolla in Borsa dopo la sentenza sulla Tav


MILANO, 4 MAR. 2009 – Chiusura molto negativa in Piazza Affari per Impregilo: il titolo della prima società di ingegneria e costruzioni italiana, al centro di forti vendite per tutta la seduta, ha ceduto il 13,65% a 1,796 euro. Molto forti gli scambi: nella giornata sono state trattate 29 milioni di azioni Impregilo, pari al 7,2% del capitale, a fronte di una media di 4 milioni di ‘pezzi’ passati di mano nelle ultime 30 sedute di Borsa. Il titolo ha pagato la decisione del Tribunale di Firenze, che Impregilo ha già annunciato di voler impugnare, che ha condannato per reati in campo ambientale nel Mugello amministratori e dirigenti del Consorzio Cavet, stabilendo il pagamento di un risarcimento danni pari a circa 150 milioni di euro. Il Consorzio Cavet, partecipato con una quota del 75,9% da Impregilo, è impegnato a realizzare la linea dell’alta velocità ferroviaria Bologna-Firenze.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet