Ima Spa, dividendo da un euro per i suoi 50 anni


BOLOGNA, 27 APR. 2012 – Probabilmente è la realtà protagonista della "Packaging valley" bolognese. Il distretto è tra quelli che godono migliore salute in Italia al momento. A stare di sicuro bene è la Ima Spa, azienda presieduta da Alberto Vacchi, che nel 2011 ha confezionato ricavi per 669,2 milioni e un risultato netto di gruppo a 28. Vale a dire aumenti rispettivamente del 33% e 64,7% rispetto al 2010. Questi i dati principali del bilancio al 31 dicembre 2011 approvato dall’assemblea di Ima, marchio leader nel settore delle macchine automatiche. Deliberata la distribuzione di un dividendo di 1 euro per azione, in aumento rispetto all’anno precedente (0,90 euro per azione), in pagamento dal 31 maggio."Abbiamo chiuso un anno eccellente, il migliore nella cinquantennale storia del Gruppo – ha commentato Alberto Vacchi appena confermato presidente e ad – La forte crescita dei ricavi (+33%), ottenuta grazie al positivo andamento delle vendite nei settori di riferimento (farmaceutico e food) e al contributo del Gruppo Sympak Corazza, unitamente all’incremento degli utili, confermano la capacità di Ima di continuare a crescere, creando innovazione e valore".Per Vacchi per il 2012 prevede un’ulteriore crescita "sia sul fronte dei ricavi che della redditività, grazie all’ottimo andamento del portafoglio ordini a fine 2011 (+34,7% rispetto all’anno precedente) e alla presa ordini che nei primi tre mesi del 2012 evidenzia un incremento superiore al 9%".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet