Ima chiede di quotare Gima TT


I.M.A. Industria Macchine Automatiche S.p.A. (“IMA”) e la controllata GIMA TT S.p.A. (“GIMA TT”) – società del Gruppo IMA operante nel settore delle macchine automatiche per il packaging dei prodotti derivati del tabacco e, in particolare, dei c.d. prodotti di nuova generazione (reduced-risk products) – comunicano che, in data odierna, GIMA TT ha presentato: a Borsa Italiana S.p.A., la domanda di ammissione a quotazione delle proprie azioni sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. e, qualora ne ricorrano i presupposti, sul segmento STAR; alla Commissione Nazionale per le Società e la Borsa, unitamente a IMA, la richiesta di approvazione della nota informativa sugli strumenti finanziari e della nota di sintesi.
GIMA TT ha in precedenza presentato, in data 28 giugno 2017, (i) alla Commissione Nazionale per le Società e la Borsa la richiesta di approvazione del documento di registrazione; e (ii) a Borsa Italiana S.p.A. la richiesta di rilascio del giudizio di ammissibilità alla quotazione sul Mercato Telematico Azionario delle proprie azioni.
La presentazione di tali istanze è il risultato delle attività di analisi svolte da IMA e dagli altri azionisti di GIMA TT e finalizzate a identificare il percorso ottimale per consentire a GIMA TT di cogliere al meglio le significative opportunità di sviluppo offerte dall’industria del tabacco. È previsto che la prospettata operazione di quotazione di GIMA TT sul Mercato Telematico Azionario sia realizzata attraverso la vendita delle azioni di GIMA TT da parte degli attuali azionisti e che IMA mantenga una partecipazione di controllo in GIMA TT.
In relazione a quanto sopra, BofA Merrill Lynch, Equita SIM S.p.A., Mediobanca – Banca di Credito Finanziario S.p.A. e UniCredit Corporate and Investment Banking agiranno come joint global coordinators e joint bookrunners. Equita SIM S.p.A. agirà inoltre anche in veste di sponsor. GIMA TT aderisce al regime di semplificazione previsto dagli artt. 70, comma 8 e 71, comma 1-bis, del Regolamento CONSOB in materia di emittenti n. 11971/1999, come successivamente modificato, avvalendosi, pertanto, della facoltà di derogare agli obblighi di pubblicazione dei documenti informativi previsti dagli artt. 70, comma 6 e 71, comma 1 del citato Regolamento in occasione di operazioni significative di fusione, scissione, aumenti di capitale mediante conferimento di beni in natura, acquisizioni e cessioni.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet