Ima, accordo per acquisto dell’80% di Mapster


IMA, tramite la sua controllata GIMA, ha sottoscritto in data odierna un accordo per l’acquisto dell’80% del capitale della società Mapster S.r.l. La società basata a Parma e detenuta dai Sig.ri Rolleri e Renda, è un importante player nella progettazione, produzione e commercializzazione di macchine automatiche per il riempimento e confezionamento di capsule per il settore caffè (single serve).

Sempre attraverso la controllata GIMA, IMA ha in contemporanea sottoscritto un accordo con la famiglia Giberti per l’acquisizione del 49% di Petroncini Impianti S.p.A., con sede operativa a Ferrara, azienda di riferimento nel settore dei macchinari per il processo produttivo del caffè.

Queste acquisizioni rappresentano un significativo rafforzamento del Gruppo IMA nel settore del caffè, un mercato previsto in decisa crescita nei prossimi anni. A questo si aggiungeranno le sinergie commerciali e produttive attese dall’integrazione delle società acquisite nella rete commerciale e nel sistema di subfornitura del Gruppo IMA.

L’operazione Mapster prevede un intervento finanziario al closing (previsto entro il primo trimestre del 2017) pari a 2,4 milioni di euro per l’equity value. Il business prevede nel 2016 un fatturato consolidato di circa 7,5 milioni di euro e un EBITDA di 0,5 milioni di euro, con circa 15 dipendenti.

La parallela operazione Petroncini prevede un investimento finanziario per complessivi 2,5 milioni di euro che porta GIMA a detenere il 49% delle azioni della società ed un contratto di opzione per l’acquisto di un ulteriore 31% da esercitarsi successivamente alla data di approvazione del bilancio al 31 dicembre 2017 e non oltre il 31 agosto 2018. Il business prevede nel 2016 un fatturato di circa 8 milioni di euro e un EBITDA di 0,9 milioni di euro, con 46 dipendenti.

Nel commentare l’operazione Alberto Vacchi, Presidente e Amministratore Delegato di IMA, ha dichiarato: “IMA, attraverso la sua controllata GIMA, ha già una consolidata presenza nel settore caffè: l’ingresso contestuale di Mapster e Petroncini porterà la nascita di un gruppo omogeneo di aziende, ciascuna leader nel proprio segmento, unico nel panorama mondiale di settore dove l’ampiezza della gamma è considerata un elemento competitivo e vincente”.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet