Il Vietnam guarda al modello cooperativo locale


Il modello cooperativo regionale porta la sua esperienza in Vietnam. E’ stato firmato a Bologna un accordo tra Legacoop Emilia-Romagna, Vietnam Coooperative Alliance (Vca) e Unioncamere Emilia-Romagna per sviluppare le relazioni e promuovere la cooperazione tra imprese. L’intesa è stata siglata per l’Emilia-Romagna dal presidente di Legacoop Giovanni Monti e dal presidente di Unioncamere Maurizio Torreggiani e, per il Vietnam, da Hai Giang Nguyen, numero uno della Vca. Obiettivo dell’accordo: condividere le best practice, promuovere i rapporti di collaborazione e formare le risorse umane. “L’incontro ha consentito di conoscere meglio i modelli cooperativi – ha ricordato il presidente di Unioncamere regionale, Maurizio Torreggiani – ed è un ulteriore tassello nella collaborazione che da due anni ha visto l’Unioncamere, assieme e Regione e Associazioni di categoria, impegnata a rafforzare le relazioni istituzionali in modo da creare un ambiente favorevole per incrementare i rapporti di business. I numeri testimoniano la validità della scelta di lavorare per progettualità. Attualmente sono 617 le imprese esportatrici emiliano-romagnole in Vietnam, e il valore dell’export è di 120 milioni di euro con le imprese cooperative emiliano-romagnole che occupano una quota pari all’11,9 per cento”. “Siamo molto soddisfatti per la firma di questo accordo – ha detto il presidente di Legacoop Emilia-Romagna Giovanni Monti – e siamo certi che, con il contributo di Unioncamere e della Regione, i rapporti tra Legacoop e l’Associazione delle Cooperative del Vietnam saranno ancora più fecondi e ricchi di buoni risultati per entrambe le parti”. Granarolo, Coop Italia, Cefla e Cadiai, quattro imprese cooperative di eccellenza, hanno presentato le proprie attività approfondendo il ruolo dei soci e i progetti di sviluppo all’estero.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet