Il verbale dell’accordo sulla vertenza Cnh


Il giorno 9 settembre 2009, al Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, alla presenza del Ministro Sen. Maurizio Sacconi, assistito dalla Direzione Generale della Tutela delle Condizioni di Lavoro e dalla Direzione Generale degli Ammortizzatori Sociali e degli Incentivi all’Occupazione, con l’intervento del Ministero dello Sviluppo Economico nelle persone del Direttore Generale per la Politica Industriale e la Competitività Dr. Andrea Bianchi e del Dr. Giampiero Castano e della Regione Emilia Romagna nelle persone del Presidente Dr. Vasco Errani, dell’Assessore alle Attività produttive e Sviluppo Economico Dott. Duccio Campagnoli e del Sindaco di Imola dott. Daniele Manca, si è svolta una riunione per l’esame della situazione della CNH ITALIA S.p.A., con particolare riferimento al sito di Imola. Hanno partecipato:CNH ITALIA S.p.A., assistita da Unindustria di Bologna;FIAT GROUP S.p.A. ;Le OO.SS. FIM CISL, FIOM CGIL, UILM UIL, UGL, FISMIC Nazionale e territoriali e le RSU di Imola. Considerata la crisi del mercato globale, che investe, con particolare gravità, il settore delle macchine movimento terra; preso atto del piano complessivo di razionalizzazione che CNH Italia SpA ha presentato alle OO.SS.LL. in data 23 giugno u.s. e, successivamente in sede di MiSE, in data 8 luglio e 30 luglio uu.ss. e oggetto di approfondimento con le stesse OO.SS.; considerata la necessità di rimodulazione dei fattori produttivi ai fini del mantenimento della produzione in Italia, con l’avvio della produzione delle terne e delle pale gommate compatte di Imola presso il sito di Lecce;preso atto che il Ministero del Lavoro riconosce la grave situazione del settore delle macchine movimento terra e che conseguentemente riconosce la sussistenza dei presupposti per l’accesso alla CIGS per crisi per evento improvviso ed imprevisto della CNH ITALIA S.p.A.,le Parti concordano quanto segue:1) CNH Italia Spa presenterà domanda per il riconoscimento della crisi aziendale per evento improvviso ed imprevisto, con utilizzo della cassa integrazione straordinaria per 12 mesi, a decorrere dal 31 agosto u.s., per i dipendenti del sito produttivo di Imola.2) Presso il Mise, d’intesa con la Regione Emilia Romagna, è costituito un gruppo di lavoro, con la partecipazione anche di CNH/FIAT, finalizzato alla individuazione di diverse soluzioni industriali per il sito di Imola.3) Il Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali convocherà, entro il mese di maggio p.v., una riunione con tutte le parti interessate, al fine di garantire idonei percorsi di sostegno al reddito oltre i 12 mesi di cui al punto 1) del presente accordo.Con la presente intesa, la Regione Emilia Romagna ed il Ministero del Lavoro prendono atto della esperita procedura, con esito positivo, dello esame congiunto di cui all’art. 2 del D.P.R. 218/2000, per la richiesta di CIGS a favore dei lavoratori del sito CNH di Imola a decorrere dal 31.8.2009.Letto, confermato e sottoscritto (seguono le firme dei partecipanti all’incontro)

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet