Il Superenalotto porta a Parma 70 milioni


PARMA, 10 FEB. 2010 – Ha portato fortuna a Parma il concorso numero 17 del Superenalotto. Nella tabaccheria Bottini del Centro Torri qualcuno si è portato a casa 69 milioni e mezzo di euro giocando un "un sistemino da 10 euro, massimo 15", raccontano ancora increduli i gestori. I sei al superenalotto di ieri sono due, l’altro è stato vinto a Pistoia e si va ad aggiudicare l’altra metà del montepremi di 139 milioni di euro. La tabaccheria-ricevitoria Bottini, un nome, una garanzia (è il caso di dire, si trova all’interno del Centro Torri, un grande centro commerciale alla periferia di Parma, in via San Leonardo. "La nostra clientela è quindi la più variegata, clienti di passaggio e tradizionali – spiega Luca Tanzi, figlio della titolare – La gran parte di loro, direi circa l’85%, gioca una schedina da pochi euro, spesso uno o due, mentre solo una minoranza partecipa ai sistemi che prepariamo".Secondo le prime notizie, chi ha giocato la schedina multimilionaria ha optato per una ‘giocata secca’: "Per ora è troppo presto per dire che tipo di giocata è stata fatta, ci vuole un po’ di tempo per risalire ai dati", aggiunge Luca Tanzi. Oltre a lui, nella tabaccheria-ricevitoria a gestione familiare lavorano la mamma, Fernanda Rosa Bottini, che è la titolare dell’esercizio, la sorella Ginetta e il cognato, Davide Marossa. "La tabaccheria è aperta da circa una ventina d’anni, ma noi ne siamo i gestori da 12 anni", spiega Luca Tanzi, ricordando che in passato il locale era già stato baciato dalla fortuna al Superenalotto, ma per cifre ovviamente molto più ridotte: "In un caso 150.000 euro, in un altro, se non ricordo male, 50-60.000 euro".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet