Il Re dei Prosciutti incontra i suoi sudditi


PARMA, 14 SET. 2010 – Degustazioni, cene nei borghi, bancarelle dei prodotti tipici, percorsi in mountain bike, trekking e iniziative per i bambini con “merenda, pane e prosciutto” sono solo alcune delle attività proposte a tutti coloro che vogliono scoprire o conoscere in modo più approfondito il Re dei Prosciutti. Come tradizione vuole, uno degli eventi principali dell’iniziativa sarà Finestre Aperte: i prosciuttifici spalancheranno le porte al pubblico, offrendo la possibilità di assistere al ciclo di lavorazione e di partecipare a degustazioni gratuite. Saranno i produttori stessi ad accompagnare i fan del prosciutto più dolce d’Italia e ad illustrare i segreti di produzione delle cosce di suino, che per una magica combinazione di clima, tradizione e passione, diventano Prosciutti di Parma. Un’interessante novità è stata sperimentata quest’anno con grande successo: abbinare la raffinatezza e la delicatezza del Prosciutto crudo di Parma alle sottili e complesse trame tipiche di romanzi gialli e noir. Tutto questo è avvenuto a Langhirano durante una rassegna di letteratura poliziesca e gastronomica che già nel nome evoca mistero e appetito: “I sapori del giallo”. Protagonisti della serata degli scrittori appartenenti alle forze dell’ordine che hanno trovato nella scrittura una forte alleata attraverso cui esprimere le proprie idee e condividere l’esperienza vissuta sul campo. Uno degli interventi più significativi è stato quello del prefetto Ansoino Andreassi, ex capo della polizia, il quale ha presentato il suo libro “Voglio vivere così”, un romanzo dalle numerose sfaccettature ambientato durante gli anni di piombo.Il Festival infine vivrà il suo gran finale con una festa organizzata nel cuore di Parma e distribuita nelle giornate di venerdì 17, sabato 18 e domenica 19 settembre. Nelle principali piazze della città (Piazza Garibaldi, Piazza della Steccata e via Garibaldi) saranno allestiti stand per la degustazione e la mostra mercato Strada dei sapori la quale ospiterà il consorzio Vini dei Colli di Parma, il Consorzio dei produttori dell’Aceto Balsamico, l’Unione Birrai oltre ad alcuni produttori agricoli locali dell’associazione Agrimercato.Dulcis in fundo, l’appuntamento più succulento e più atteso di questa edizione del Festival avrà luogo sabato 18 dalle ore 17, quando in piazza Garibaldi sarà battuta da Luciano Carnaroli un’asta benefica di prosciutti sotto i Portici del Grano. I lotti saranno costituiti da una selezione accurata di esemplari di altissima qualità, scelti dagli esperti del Consorzio del Prosciutto di Parma in modo da poter rappresentare il meglio del dolce Re dei Prosciutti. L’evento avrà come ospite anche il calciatore Lorenzo Minotti, storico testimonial dell’Admo, a cui il ricavato sarà interamente devoluto.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet