Il progetto di Cna: abbattere, ricostruire, riqualificare


BOLOGNA, 2 MAR. 2012 – Realizzare una nuova qualità dell’abitare, unendo sostenibilità e sicurezza e riqualificando il patrimonio urbanistico regionale. Questo l’obiettivo di CNA Emilia Romagna che insieme ad Unipol e a due importanti studi tecnici della regione, ha definito un progetto rigenerativo per intervenire su condomini vecchi e fatiscenti, intere aree produttive e strutture ricettive: ristrutturazione, ma anche abbattimento e riedificazione. Una vera e propria “rigenerazione urbana”. Il progetto, nelle sue articolazioni, sarà presentato martedì 6 marzo 2012 alle 9.30 a Bologna, presso il Savhotel Fiera District di via Parri 9, nel corso del convegno “Rigenerare ristrutturando e ricostruendo per una nuova qualità dell’abitare”Si tratta di un appuntamento di grande rilevanza nel corso del quale saranno presentati i contenuti del progetto e la metodologia messa a punto per ridisegnare le città e la struttura alberghiera della riviera. CNA e Unipol hanno predisposto anche un vero e proprio pacchetto finanziario ed assicurativo per consentire ai proprietari degli immobili di poter investire nella ristrutturazione. Non più l’occupazione di nuovo territorio su cui costruire, ma riutilizzazione di spazi e volumi per ristrutturare gli edifici esistenti e realizzarne dei nuovi in chiave eco-compatibile. Il tutto attraverso l’individuazione di mix ottimali di materiali e tecnologie innovative e l’utilizzo di fonti rinnovabili per sostituire gli attuali fabbricati con altri ad energia quasi zero. Un progetto che vuole contribuire in modo determinante al miglioramento della qualità ambientale del nostro territorio e divenire, al tempo stesso, chiave di volta per la ripresa del settore costruzioni, uno dei principali volani dello sviluppo in Emilia Romagna. Al convegno interverranno Roberto Moneta, del ministero dello Sviluppo economico; Graziano Delrio, presidente nazionale Anci; Gian Carlo Muzzarelli, a sessore regionale alle Attività produttive; Alfredo Peri, assessore regionale alla Programmazione territoriale; Ferdinando Fabbri, Studio Ti soc. cooperativa Rimini; Rudi Fallaci, Tecnicoop soc. cooperativa Bologna, e Roberto Franchini, presidente CNA Costruzioni Emilia Romagna.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet