Il Pd in piazza per difendere la Costituzione e Napolitano


BOLOGNA, 9 FEB. 2009 – Il Pd dell’Emilia-Romagna invita i circoli del partito di tutte le città della regione a esporre il Tricolore, "simbolo dell’unità nazionale del nostro Paese e di tutti gli italiani", come gesto simbolico a difesa della Costituzione. "Il nostro Paese sta attraversamento una situazione del tutto inedita e straordinaria – spiega in una nota il Pd emiliano-romagnolo – In questi giorni, il presidente del Consiglio ha assunto comportamenti e iniziative che minacciano il rispetto dei principi della nostra Costituzione e turbano in maniera grave e pericolosa i rapporti fra le istituzioni, che sono alla base del nostro sistema democratico". Da qui l’iniziativa sul Tricolore, oltre a una mobilitazione nei circoli territoriali e all’appello a organizzare altre iniziative pubbliche "per chiedere il rispetto della Carta Costituzionale e per approfondire insieme ai cittadini i suoi valori e i suoi principi inviolabili". Il tutto in preparazione della manifestazione nazionale del Pd che si terrà domani a Roma.L’appuntamento è in Piazza Santi Apostoli alle ore 18. È qui che i democratici si riuniranno, dopo essersi con tutta probabilità divisi in Parlamento sul voto al di segno di legge governativo sul caso Eluana. Il manifesto dell’iniziativa recita "In difesa della Costituzione. Solidarietà al Capo dello Stato". Ed è per questo che parlerà solo Oscar Luigi Scalfaro, per difendere i valori fondanti della nostra Repubblica e lanciare un messaggio di apprezzamento per l’operato del suo successore Giorgio Napolitano. Dalla piazza salirà, fino al vicino Quirinale, un fermo no ai colpi di mano di Berlusconi sulla Costituzione. Una tema su cui il partito di Veltroni riesce finalmente a superare quelle divisioni che hanno costretto il segretario a lasciare libertà di coscienza sul provvedimento del governo che vuole impedire l’interruzione dell’alimentazione ad Eluana.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet